Sede

News

Informazioni e notizie per essere sempre aggiornati

  • Partecipazione del Comune di Lignano Sabbiadoro al Progetto MobiTour

    Data pubblicazione: 31/07/2018


    A seguito della partecipazione del Comune di Lignano Sabbiadoro al Progetto MobiTour, finanziato nell'ambito del Programma di cooperazione transfrontaliera Interreg Italia-Slovenia 2014-2020 e finalizzato alla riduzione delle emissioni di carbonio attraverso il miglioramento della mobilità urbana e sostenibile nell'area transfrontaliera, l'Ente si è impegnato ad attivare nella nostra Città delle iniziative per coinvolgere i cittadini di ogni fascia di età, i turisti e i vari portatori di interesse sul tema della mobilità sostenibile, ad implementare le attrezzature per la ricarica e l'interscambio di veicoli elettrici e biciclette e a potenziare ulteriormente la "bicipolitana" con una progettazione coordinata e sostenibile. Il miglioramento della mobilità urbana e sostenibile richieda la preziosa sinergia da parte di tutti si chiede cortesemente la vostra disponibilità a diffondere le iniziative facenti parte di MobiTour e/o ad essere coinvolti in alcune attività e progetti pilota. Per quanto riguarda la condivisione della pagina dedicata al MobiTour, dove si possono trovare i questionari da compilare, questo è il link da seguire: Questionario Interreg Italia Slovenia - Progetto Mobitour

    continua


  • Autotrasporto:  rimborso accise sul gasolio per autotrazione

    Data pubblicazione: 28/06/2018


    Autotrasporto:  rimborso accise sul gasolio per autotrazioneLa Circolare RU 69244 dell'Agenzia delle Dogane (Allegata), haricordato che, per i consumi di gasolio effettuati tra il 1° aprile al30 giugno 2018, la dichiarazione necessaria alla fruizione deibenefici fiscali previsti dalla legislazione vigente, dovrà esserepresentata dal 1° al 31 luglio 2018.La Circolare ha, inoltre, comunicato la disponibilità del software,aggiornato per la compilazione e la stampa dell'appositadichiarazione, da trasmettere per mezzo del Servizio TelematicoDoganale- E.D.I. o da consegnare, insieme ai relativi dati salvati susupporto informatico (CD Rom, DVD, pen drive USB), al competenteUfficio delle Dogane:*  per le imprese nazionali: l'Ufficio delle Dogane territorialmentecompetente rispetto alla sede operativa dell'impresa o nel caso di piùsedi operative, quello competente rispetto alla sede legaledell'impresa o alla principale tra le sedi operative;*  per le imprese comunitarie obbligate alla presentazione delladichiarazione dei redditi in Italia: l'Ufficio delle Doganeterritorialmente competente rispetto alla sede operativa dell'impresa;*  per le imprese comunitarie non obbligate alla presentazione delladichiarazione dei redditi in Italia: l'Ufficio delle dogane di Roma I.Tenuto conto dei rimborsi riconosciuti in ragione dei precedentiaumenti dell'aliquota di accisa sul gasolio usato come carburante edel consolidamento del beneficio fiscale di cui all'art.4-ter comma 1lettera f) del D.L. 193/2016 convertito con legge 225/2016, laCircolare ha evidenziato che la misura del beneficio riconoscibile èpari a € 214,18 per mille litri di prodotto, in relazione ai consumieffettuati tra 1° aprile al 30 giugno 2018.In riferimento ai soggetti che possono usufruire dell'agevolazione, lacircolare ha ribadito che hanno diritto al beneficio:* gli esercenti l'attività di autotrasporto merci (in conto proprio ein conto terzi) con veicoli di massa massima complessiva pari osuperiore a 7,5 tonnellate;* gli Enti pubblici e le imprese pubbliche locali esercenti l'attivitàdi TPL; le imprese esercenti autoservizi interregionali di competenzastatale, le imprese esercenti autoservizi di competenza regionale elocale e le imprese esercenti autoservizi regolari in ambitocomunitario di trasporto persone;* gli Enti pubblici e le imprese esercenti trasporti a fune inservizio pubblico per trasporto di persone.La circolare ha, inoltre, ricordato a riguardo, che l'art. 1 comma 645della legge 208/2015, ha ridotto ulteriormente il campo diapplicazione dell'agevolazione, escludendo da esso, a decorrere dal 1°gennaio 2016, il gasolio consumato dai veicoli di categoria Euro 2 oinferiore (sono classificabili come appartenenti alla categoria euro 0o inferiori i veicoli la cui carta di circolazione non riporta alcunriferimento alla normativa comunitaria dell'Unione Europea, mentre perl'individuazione delle categorie Euro 1 e Euro 2 si rinvia alladisciplina comunitaria di settore).  Pertanto il soggetto che presentala dichiarazione trimestrale è, ora, tenuto ad attestarel'insussistenza della richiamata condizione che impedisce ilriconoscimento del credito d'imposta dichiarando puntualmente, a talfine, (con la valenza assegnata alle dichiarazioni sostitutive dalD.P.R. 445/2000), che il gasolio consumato per cui si chiede ilbeneficio non è stato impegnato per il rifornimento dei veicoli dicategoria Euro 2 o inferiori.Non operando, rispetto ai consumi effettuati a decorrere dal 2012, lelimitazioni previste dall'art.1 comma 53 della legge 244/2007, irelativi crediti potranno essere compensati anche qualora l'importocomplessivo annuo dei crediti di imposta derivanti dal riconoscimentodi agevolazioni concesse alle imprese, da indicare nel "QUADRO RU" delmodello di dichiarazione dei redditi, dovesse superare il limite di €250 mila.Per la fruizione dell'agevolazione mediante modello F24, dovrà essereutilizzato il codice tributo 6740.Come nelle precedenti Circolari sul medesimo tema, l'Agenzia haribadito che le imprese di autotrasporto merci sono tenute acomprovare i consumi di gasolio, per cui richiedono i benefici,mediante le relative fatture di acquisto, a differenza degli altribeneficiari, che possono utilizzare a tal fine anche le schedecarburante.Infine, la Circolare ha ricordato che per effetto delle modifichelegislative introdotte dall'art. 61 D.L. 1/2012, i crediti sorti conriferimento ai consumi relativi al primo trimestre dell'anno 2018potranno essere utilizzati in compensazione entro il 31 dicembre 2019.Da tale data decorrerà, poi, il termine per la presentazionedell'istanza di rimborso in denaro delle eccedenze non utilizzate incompensazione, che dovranno essere presentate, dunque, entro il 30giugno 2020.

    continua


  • Task force Confcommercio-sindacati contro molestie e violenze nei luoghi di lavoro

    Data pubblicazione: 04/06/2018


    Un patto imprenditori-sindacati per contrastare molestie e violenze nei luoghi di lavoro. Lo stringono Confcommercio del Friuli Venezia Giulia e Cgil, Cisl e Uil, sottoscrivendo un accordo che contiene un impegno comune a promuovere in ogni azienda del terziario della regione azioni volte a incoraggiare comportamenti coerenti con gli obiettivi di tutela della dignità delle donne e degli uomini nell’ambiente di lavoro, non escludendo la possibilità di adottare misure organizzative ritenute di volta in volta utili alla cessazione immediata dei comportamenti molesti. Il trasferimento temporaneo Tra queste anche il trasferimento in via temporanea, tra reparti e uffici o in altre unità produttive, compatibilmente con le esigenze organizzative aziendali nel rispetto delle disposizioni contrattuali. A Pordenone, nella sede locale di Confcommercio, presente la consigliera regionale di parità Roberta Nunin, il presidente regionale dell’associazione Alberto Marchiori ha dunque firmato l’accordo assieme a Orietta Olivo della Cgil, Claudia Sacilotto della Cisl e Magda Gruarin della Uil. L’iniziativa, ha spiegato Marchiori, recepisce l’input dell’Accordo delle Parti Sociali Europee del 26 aprile 2007, che tratta appunto di molestie e violenze nei luoghi di lavoro. L’impegno comune Muovendo da quell’articolato, Confcommercio Fvg e sindacati si impegnano sul fronte innanzitutto della prevenzione e dunque a «diffondere in maniera capillare l’accordo tra associati e collaboratori e a promuoverne l’applicazione, anche attraverso la contrattazione di secondo livello, e ad illustrarne il contenuto in assemblee sindacali», a «responsabilizzare le aziende affinché provvedano a tutelare lavoratrici e lavoratori da qualsiasi forma indiretta di ritorsione o penalizzazione e a vigilare sulla effettiva cessazione dei  comportamenti molesti», a «svolgere l’attività pattuita in modo sinergico con quella di competenza istituzionale», a «effettuare annualmente un monitoraggio di verifica dell’applicazione dell’accordo». I commenti «Il valore aggiunto dell’intesa – hanno concordato i presenti – è dato anche dalla firma della consigliera Nunin». Il sindacato ha quindi ringraziato Confcommercio Fvg per la «sensibilità alla prevenzione di un fenomeno poco noto perché poco denunciato». «Ci opponiamo con forza – ha aggiunto Marchiori – agli atti di vigliaccheria e ai ricatti nei confronti dei collaboratori d’azienda». La formazione Le parti, hanno rimarcato i presenti, convengono inoltre che la formazione aziendale potrà essere l’occasione per promuovere e diffondere tra i dipendenti e i dirigenti la cultura del rispetto della persona; nei programmi di formazione del personale, predisposti dalle aziende, venga promossa la lettura e la diffusione dell’accordo; al fine di garantire un ambiente di lavoro sicuro, sereno e rispettoso della dignità di ciascuno debba essere centrale il ruolo del sistema di prevenzione e protezione e conseguentemente saranno coinvolti tutti gli R.S.P.P. e i medici competenti delle imprese associate in modo che venga concretamente assicurato l’esercizio del ruolo di rappresentanza che ad essi compete, in particolare: nel percorso di valutazione del rischio da stress di lavoro correlato, nell’elaborazione, individuazione, attuazione e verifica delle misure di prevenzione da adottare in azienda al fine di tutelare la salute psicofisica di lavoratrici e lavoratori e nella definizione degli interventi formativi in materia.

    continua


  • Denuncia delle attrezzature ai fini della classificazione delle strutture ricettive turistiche

    Data pubblicazione: 30/05/2018


    Denuncia delle attrezzature ai fini della classificazione dellestrutture ricettive turistiche.Si informa che sul BUR del 30 maggio 2018  è pubblicato il Decreto del Direttorecentrale Attività Produttive, Turismo ... (n. 1453 del 10/5/2018) conl'approvazione dei Moduli contenenti la scheda di denuncia delleattrezzature ai fini della classificazione delle strutture ricettiveturistiche (alloggi turistici, di cui all'art. 47 Bis della L.R.21/2016, compresi).

    continua


  • Enterprise Europe network - proposte collaborazione dalla Russia

    Data pubblicazione: 29/05/2018


    facendo seguito alla Convenzione in essere, firmata nel 2015 dal SignorCarlo Dall'Ava, per la  collaborazione alla promozione congiunta deiservizi di assistenza alle PMI offerti dalla rete Europea Enterprise EuropeNetwork ci pregiamo allegare una selezione di annunci per la ricerca dicooperazione da parte di aziende della Federazione Russa interessate almercato italiano.Ricordiamo che la Enterprise Europe Network è la più grande rete a supportodelle PMI a livello mondiale, presente in più di 60 Paesi e composta daoltre 600 partner locali, co-finanziata dalla DG CRESCITA, la DirezioneGeneraledella Commissione europea per il Mercato Interno, l’Industria,l’Imprenditoria e le Pmi, in grado di offrire servizi gratuitipersonalizzati alle aziende che vogliono internazionalizzarsi fornendoassistenza per accelerarne la crescita e la competitività verso nuovimercati  e per sviluppare nuovi partenariati commerciali e tecnologici.Anche le aziende vostre associate possono offrire la propria collaborazioneper offrire rappresentanze e/o cercare controparti per acquistare beni eservizi tramite la divulgazione del profilo di cooperazione nella bancadati POD - Partnering Opportunity Database. Il modulo è scaricabile tra gliallegati al  link del nostro sito:http://www.ud.camcom.it/P42A3539C3535S2401/Rete-partenariati-e-cooperazioni.htm.

    continua


  • NOTA DEL CONSIGLIO DI STATO SUL RIUTILIZZO DEI SACCHETTI MONOUSO

    Data pubblicazione: 05/04/2018


    La Commissione speciale del Consiglio di Stato ha risposto a duequesiti posti dal Ministero della Salute in merito allacommercializzazione dei sacchetti monouso per frutta e verdura.Il Ministero aveva posto i seguenti due quesiti:1.       se sia possibile per i consumatori utilizzare nei solireparti di vendita a libero servizio (frutta e verdura) sacchettimonouso nuovi dagli stessi acquistati al di fuori degli esercizicommerciali, conformi alla normativa sui materiali a contatto con glialimenti;2.       in caso di risposta positiva, se gli operatori del settorealimentare siano obbligati e a quali condizioni a consentirne l'usonei propri esercizi commerciali.Il parere del Consiglio di Stato risponde positivamente a entrambe ledomande sancendo la possibilità per i consumatori di utilizzare ilcontenitore (purché nuovo e integro) che hanno portato da casa o hannoacquistato autonomamente fuori dal negozio.Nel parere si legge, infatti, che è possibile per i consumatoriutilizzare nei soli reparti di vendita a libero servizio come frutta everdura, sacchetti monouso nuovi dagli stessi acquistati al di fuoridegli esercizi commerciali, conformi alla normativa sui materiali acontatto con gli alimenti, senza che gli operatori del settorealimentare possano impedire tale facoltà né l'utilizzo di contenitorialternativi alle buste in plastica, comunque idonei a contenerealimenti quale frutta e verdura, autonomamente reperiti dalconsumatore.Le borse in plastica ultraleggere utilizzate per la frutta e verduraall'interno degli esercizi commerciali "devono" essere compravendutedato che la borsa, per legge, è un bene avente un valore autonomo edindipendente da quello della merce che è destinata a contenere. Inconclusione – in quanto beni autonomamente commerciabili – non possonoessere sottratte alla logica del mercato.Per tale ragione, non sembra consentito escludere la facoltà del loroacquisto all'esterno dell'esercizio commerciale nel quale saranno poiutilizzate, in quanto, per l'appunto, considerate di per sé unprodotto autonomamente acquistabile, avente un valore indipendente daquello delle merci che sono destinate a contenere.Laddove il consumatore non intenda acquistare il sacchettoultraleggero commercializzato dall'esercizio commerciale perl'acquisto di frutta e verdura sfusa, potrà utilizzare sacchetti inplastica autonomamente reperiti, solo se, idonei a preservarel'integrità della merce e rispondenti alla caratteristiche di legge.Il criterio generale è che devono essere sufficientemente inerti daescludere il trasferimento di sostanze ai prodotti alimentari inquantità tali da mettere in pericolo la salute umana o da comportareuna modifica della composizione dei prodotti alimentari o undeterioramento delle loro caratteristiche.Non sembra possibile per l'esercizio commerciale vietare tale facoltà,ma grava comunque un obbligo di controllo su tutti i fattoripotenzialmente pregiudizievoli per la sicurezza dei prodotticompravenduti all'interno del punto vendita, e anche sugli eventualisacchetti che il consumatore  intende utilizzare, in quanto soggettoche deve garantire l'integrità dei prodotti ceduti dallo stesso, puòvietare l'utilizzo di contenitori autonomamente reperiti dalconsumatore solo se non conformi alla normativa di volta in voltaapplicabile per ciascuna tipologia di merce, o comunque in concretonon idonei a venire in contatto con gli alimenti.

    continua


  • Fondi Por Fesr 2014-20: 8,5 mln euro per sostegno avvio nuove attività

    Data pubblicazione: 30/03/2018


    Il 19 aprile aprirà lo sportello per la presentazione delle domande dicontributo a valere sul bando per il supporto alle nuove realtàimprenditoriali, che prevede una dotazione finanziaria di 8,5 milioni(fondi Por Fesr 2014-20).Il bando  intende incentivare la creazione di nuove impresesupportando i costi per l'avvio dell'attività e gli investimenti nelprimo periodo e consentire, grazie ai contributi a fondo perdutoerogati in regime di de minimis, di consolidare l'azienda nella suafase di avvio, mitigando il possibile indebitamento. Possonobeneficiare dei contributi aspiranti imprenditori e nuove imprese cheabbiano definito un business plan.L'importo massimo del contributo a fondo perduto, pari al 60% dellaspesa ritenuta ammissibile, non deve essere superiore a 100.000 euro.L'importo complessivo degli aiuti de minimis concessi ad un'impresaunica, non può superare 200.000 euro nell'arco di tre esercizifinanziari.Sono ammissibili spese per beni nuovi di fabbrica; consulenze; servizie prestazioni specialistiche; adeguamento e ristrutturazione deilocali; installazione impianti; progettazione, direzione lavori ecollaudo; realizzazione o ampliamento del sito internet; locazione deilocali (anche in coworking); operazioni di credito per ottenerefinanziamenti destinati all'attività aziendale; acquisto, ad esempio,di impianti specifici, arredi, macchinari e attrezzature, strumenti,hardware e software, acquisizione di brevetti o altre forme diproprietà intellettuale, diritti di licenza di sfruttamento o diconoscenze tecniche anche non brevettate; certificazione di qualità,deposito dei marchi e registrazione dei brevetti; veicoli; pagamentodi canoni di utilizzo di software; pubblicità e attività promozionali,anche per la partecipazione a fiere ed eventi.Le spese di investimento devono rappresentare almeno il 70% del totaledelle spese ammissibili. La chiusura finale del bando è fissata al 21dicembre 2018, ma sono previste anche due chiusure intermedie: losportello del primo periodo si chiude il 30 giugno, quello del secondoil 30 settembre.

    continua


  • Fisco semplice n.1-2/2018

    Data pubblicazione: 26/02/2018


    Un aiuto alla lettura nel settore Fiscalità d' Impresa.

    continua


  • Tariffe SCF-SILB 2018 diritti connessi su intrattenimenti in discoteche sale da ballo e night club

    Data pubblicazione: 12/02/2018


    SCF ha comunicato le tariffe in vigore dal 1° gennaio 2018 suintrattenimenti in discoteche e sale da ballo e per i night club. Aisensi dell’accordo concluso con SILB, le tariffe dell’anno precedentehanno subito un incremento dell’1,1% per effetto dell’applicazionedell’incremento ISTAT ivi previsto.Si ricorda che il nuovo accordo entrato in vigore dal 1° gennaio 2017garantisce agli associati SILB-Confcommercio  uno sconto del 30% sullistino dei compensi.L’accordo prevede inoltre la facoltà per gli esercenti di acquistareconvenienti carnet per 5, 15, 30, 50, 100 o 150 intrattenimenti conmusica registrata, da consumare entro l’anno solare.Gli abbonamenti andranno richiesti e pagati presso le sediterritoriali SIAE entro il giorno 5 di ciascun mese successivoall’attivazione del carnet.Per ulteriori info i soci possono rivolgersi ai ns. uffici.

    continua


  • Credito d’imposta per la riqualificazione delle strutture ricettive - ClickDay: termini, tempistiche

    Data pubblicazione: 22/01/2018 | Categorie: Accesso al credito


    Il Mibact ha comunicato termini, tempi e modalità per la presentazione delle istanze per l’accesso al credito d’imposta per la riqualificazione  delle strutture ricettive.    L’istanza va presentata esclusivamente online insieme all’attestazione di effettività delle spese sostenute, attraverso il Portale dei Procedimenti  La registrazione il legale rappresentante dell’impresa non ancora iscritto  deve registrarsi sul Portale dei Procedimenti;La compilazione  deve essere effettuata esclusivamente  dalle 10.00 del 25 gennaio 2018 - alle 16.00 del 19 febbraio 2018; Click day: le domande si possono inviare esclusivamente  dalle 10.00 del 26 febbraio 2018 - alle 16.00 del 27 febbraio 2018. Per problemi attinenti al procedimento è attiva la mail: taxcreditriqualificazione@beniculturali.itPer problemi riguardanti aspetti tecnici o informatici è attiva la mail:procedimenti@beniculturali.it

    continua