Sede
  • Privacy: dal 25/5 in vigore il Regolamento europeo. Previste sanzioni. Scopri il nostro servizio !

    Informiamo che a partire dal 25 maggio 2018 entrerà in vigore il regolamento europeo n.679 del 2016 in materia di Data Protection che sarà così dirtettamente applicabile in ciascuno degli Stati Membri. Come è noto, nel nostro Paese la maggior parte delle disposizioni inerenti alla Privacy e al trattamento dei dati sono state raccolte dal legislatore in un testo unico denominato Codice della Privacy (decreto legislativo n. 196 del 2003). Tale Codice alla luce della nuova normativa europea conserverà pienamente vigore fino al 25 maggio di quest'anno. 


    A partire dalla medesima data saranno operative le sanzioni relative alla mancata attivazione delle prescrizioni previste dal Regolamento UE n. 2016/679.


    Con l’obiettivo di fare il punto sui requisiti e gli adempimenti previsti dal GDPR, nonché i loro risvolti pratici in azienda che ridisegnano in ottica organizzativa e sistemica il tema della Privacy, Confcommercio Udine e Servizi Imprese Udine srl offrono un servizio dedicato in convenzione con uno studio legale locale. Per qualsiasi ulteriore informazione è possibile consultare la convenzione presente sul sito inviare una mail a privacy@ascom.ud.it oppure contattare i nostri uffici al numero 0432.538740.

  • Future Forum 2018 

    Future Forum 2018 vedi link http://www.friulifutureforum.com/


    ideato dalla Camera di Commercio di Udine si svilupperà dal 9 marzo al 13 aprile, quale rinnovata “fucina” di confronti, incontri, dibattiti, interviste, riflessioni proiettate al futuro e all’innovazione, rivolti a imprenditori, rappresentanti delle istituzioni e dell’economia, delle formazioni sociali e culturali, agli studenti e a tutti i cittadini, formula che dal 2013 ogni anno si rinnova, rappresentando le visioni più attuali e gli scenari che raffigurano le prossime sfide per l’economia e la società.

  • Voucher Digitalizzazione PMI: elenco imprese ammissibili

    Si informa che in data 14 marzo sono stati pubblicati gli elenchi delle imprese ammissibili al Voucher digitalizzazione PMI.
    Ad oggi, considerato la numerosità delle domande presentate, l'indice di contributo è in media del 16% (quindi su un investimento di 10.000 euro, il contributo erogato tramite voucher è di 1.600 euro).


    Dopo un approfondimento con il MISE sul termine "ammontare richiesto dalle imprese", ci è stato chiarito definitivamente che il 16% si applica sull'importo di contributo richiesto dall'impresa e non sul totale investimento.


    Pertanto se l'impresa ha preventivato un investimento di € 20.000 e quindi ha richiesto al MISE un Voucher di € 10.000 (max il 50%), il voucher attualmente disponibile è in media di 1.600 euro.



    Per far fronte alle richieste, il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) sta lavorando per trovare altri fondi aggiuntivi, permettendo quindi di elevare la percentuale media dell'aiuto.
    Parallelamente, il MISE dovrà verificare che le imprese ammesse rientrino nei parametri di PMI (come da dichiarazione sostitutiva presentata da ogni impresa in sede di domanda), essendo il voucher erogato alle sole PMI.
    Dopo tale verifica, il Ministero provvederà ad attribuire il contributo finale ad ogni impresa e ad iscrivere l'aiuto presso il Registro nazionale degli Aiuti di Stato.
    Sentito il MISE, ci è stato confermato che le imprese che sono state ammesse al contributo (come da elenco consultabile al seguente link (http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/voucher-digitalizzazione#elenco), possono iniziare ad attivare da subito gli investimenti previsti in fase di domanda.
    Pertanto, le fatture delle spese effettuate dalla data del 14 marzo 2018, saranno ritenute valide ai fini della rendicontazione del contributo del voucher che sarà assegnato con successivo provvedimento del MISE.
    Per qualsiasi chiarimento potete contattare i nostri uffici. 


  • Sportello Franchising Confcommercio Udine
  • Sportello Temporary Shop Confcommercio Udine


  • Accesso al credito Accesso al credito

    Informazioni e consulenze sulle più importanti opportunità per l’accesso al credito

    domande di accesso | piani finanziari

  • Formazione / Sicurezza Formazione / Sicurezza

    Formazione professionale: corsi formativi per imprese, dipendenti e collaboratori

    corsi in partenza


Come aprire un'attività
Sportello Imprese MEPA
News
  • Dal 3 al 6 maggio Shopping Days in contemporanea con Open Design Week

    Appuntamento con



    •  Shopping Days 


    in contemporanea con



    • Open Design Week

  • CONTRIBUTO REGIONALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLE STRUTTURE RICETTIVE - BANDO 2018

    In data 11 aprile 2018 è stato è pubblicato - sul BUR della Regione FVG n. 15 - il nuovo Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di incentivi alle Imprese Turistiche.


    E’ possibile presentare domanda di contributo per degli interventi di cui all’art. 59 della L.R.  21/2016,  a valere sul Fondo contributi Imprese Turistiche di cui all’art. 38 della L.R. 4/2016


    il canale contributivo è aperto


    dalle ore 9.15 di lunedì 16 aprile 2018


    alle ore 16.30 di lunedì 16 luglio 2018



    Le domande di contributo - sulla base del modello predisposto dalla regione FVG che trovate qui disponibile - devono essere presentate dalle imprese - mediante PEC dell’impresa - al Centro di Assistenza Tecnica alle Imprese del Terziario (CATT FVG) al seguente indirizzo:


    cattfvgfondotur2018@legalmail.it


    Il contributo è in conto capitale - concesso secondo procedura valutativa a graduatoria -  rivolto alle imprese turistiche per interventi di costruzione, ampliamento e ammodernamento delle strutture ricettive, acquisto di attrezzature ed arredi, realizzazione di parcheggi.


    L’impresa, in sede di presentazione di domanda, deve indicare il tipo di regime di aiuto di cui intende beneficiare; infatti il contributo può essere concesso in osservanza del:



    • Regolamento (UE) n. 1407/2013 (regime de minimis):


    -         contributo pari al 50% della spesa ammissibile per le strutture alberghiere e del 40% della spesa ammissibile per le restanti strutture ricettive turistiche


    -         spese ammissibili comprese tra un minimo di 20.000 euro e un massimo di 400.000 euro; per l’acquisto di arredi e attrezzature la spesa minima è di 10.000 euro


     



    • art. 14 Regolamento (UE) n. 651/2014 (aiuti a finalità regionale agli investimenti)


    -         contributo pari al 30% della spesa ammissibile per le microimprese e piccole imprese e del 20% per le medie imprese. Gli oneri per le spese generali e di collaudo sono riconosciuti nella misura massima del 10% del totale delle spese per l’esecuzione dei lavori


    -         spesa ammissibile minima di 20.000 e contributo massimo concedibile di 400.000 euro


     



    • art. 17 Regolamento (UE) n. 651/2014 (aiuti agli investimenti a favore delle PMI).


    -         contributo pari al 20% della spesa ammissibile per le microimprese e piccole imprese e del 10% per le medie imprese. Gli oneri per le spese generali e di collaudo sono riconosciuti nella misura massima del 10% del totale delle spese per l’esecuzione dei lavori


    -         spesa ammissibile minima di 20.000 e contributo massimo concedibile di 400.000 euro.


    Beneficiari


     


    Questi incentivi sono destinati alle microimprese - piccole - medie imprese titolari di strutture ricettive turistiche come definite al titolo IV della L.R. 21/2016 esercitate in forma di impresa turistica, di seguito elencate:



    • Struttura ricettiva alberghiera

    • Bed and breakfast

    • Unità abitative ammobiliate a uso turistico

    • Affittacamere

    • Struttura ricettiva all’aria aperta

    • Struttura ricettiva a carattere sociale

    • Rifugio alpino, rifugio escursionistico o bivacco



    Le imprese, per beneficiare del contributo, devono :



    • essere iscritte nel Registro delle imprese della CCIAA competente per territorio oppure avere effettuato la comunicazione unica di cui all’art. 9 del decreto legge 7/2007

    • non essere in stato di scioglimento o liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali

    • avere la sede o l’unità locale operativa oggetto dell’intervento per cui si chiede il contributo attiva nel territorio regionale, con attività effettiva codificata dai codici ATECO 55.10, 55.20 e 55.30.


     


    Iniziative ammissibili a contributo


    Le iniziative ammissibili a contributo sono le seguenti:


    -         lavori di ampliamento, ristrutturazione, ammodernamento e straordinaria manutenzione di strutture ricettive turistiche esistenti


    -         lavori di costruzione, ristrutturazione e straordinaria manutenzione di edifici da destinare all’esercizio di struttura ricettiva turistica


    -         acquisto di arredi e attrezzature


    -         realizzazione di parcheggi con almeno tre posti auto a servizio delle strutture ricettive alberghiere.


     


    Sono ammissibili le seguenti spese sostenute a partire dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda:



    1. per i lavori di costruzione, ampliamento, ristrutturazione, ammodernamento e straordinaria manutenzione:


    -         spese per l’esecuzione dei lavori


    -         oneri per le spese generali e di collaudo


     



    1. per la realizzazione di parcheggi:
      - spese per l’esecuzione dei lavori
      - oneri per le spese generali e di collaudo
      - prezzo d’acquisto degli immobili

    2. per l’acquisto di arredi e attrezzature:
      - spese per l’acquisto
      - eventuali spese di trasporto e montaggio.



I vantaggi della PEC
Formazione sicurezza


  • Ebiter
  • Forte
  • Terziaria CAT
  • Servizi Imprese Udine
  • Servizi Imprese Udine