Via al bando ristorazione collettiva. Domande entro il 20 giugno 2022

Il bonus a sostegno della ristorazione collettiva – mense e catering – è una misura prevista dal DL 73/2021, convertito con modificazioni dalla Legge n.106/2021, che intende “mitigare” la crisi economica derivata dall’emergenza COVID-19; per questa misura sono stati stanziati € 100 milioni.

 

E’ stata affidata all’Agenzia delle Entrate la gestione delle istanze di accesso al contributo, la ripartizione proporzionale dei fondi e l’erogazione del contributo che – a seguito dell’emanazione di un apposito provvedimento – ha approvato il modello di domanda, le istruzioni di compilazione e le specifiche tecniche, il contenuto informativo, le modalità e i termini di presentazione dell’istanza per il riconoscimento del contributo a fondo perduto, così come previsto dall’art. 43 bis del DL 73/2021 (Decreto Sostegni-bis).

 

Possono presentare richiesta del contributo le imprese che svolgono servizi di ristorazione non occasionale definiti da un contratto con un committente – pubblico o privato – per la ristorazione di una comunità delimitata e definita (es. ristorazione per scuole, uffici, università, caserme, strutture ospedaliere, assistenziali, socio-sanitarie e detentive) la cui attività – come comunicata con il modello AA7/AA9 all’Agenzia delle Entrate – è individuata da uno dei seguenti Codici Ateco:

  • 29.10 Mense
  • 29.20 Catering continuativo su base contrattuale

che hanno subito nell’anno 2020 una riduzione dei ricavi non inferiore al 15% rispetto a quelli del 2019.

 

Per le imprese costituite nel corso del 2019, la determinazione del calo del fatturato previsto dalla norma sarà calcolata in base ai valori degli imponibili delle fatture emesse e dei corrispettivi certificati nei periodi infrannuali di riferimento.

 

Le imprese di cui sopra hanno a disposizione due settimane di tempo – a partire da oggi 6 giugno 2022 – per fare richiesta del bonus, che può arrivare fino ad un importo massimo di € 10.000 per ciascun beneficiario.

 

Per accedere al contributo le imprese devono:

  • risultare regolarmente costituite, essere iscritte e attive nel Registro delle imprese alla data di presentazione dell’istanza;
  • avere sede legale o operativa ubicata sul territorio nazionale;
  • presentare un ammontare dei ricavi nell’anno 2019 generato per almeno il 50% dai corrispettivi per i contratti di ristorazione collettiva sopra indicati.

 

Per la richiesta del contributo, i soggetti in possesso dei requisiti sono tenuti ad inviare una istanza, esclusivamente in via telematica – all’Agenzia delle Entrate – che curerà anche il processo di erogazione dei contributi stessi.

 

L’istanza contiene la sezione dei dati identificativi del richiedente, le sezioni dedicate ai requisiti posseduti e l’IBAN corrispondente al conto corrente aziendale sul quale verrà accreditato il contributo.

 

L’istanza è predisposta in modalità elettronica mediante procedure rese disponibili gratuitamente dall’Amministrazione finanziaria e trasmessa mediante i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate ovvero mediante il servizio web disponibile nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi” del sito internet dell’Agenzia delle Entrate.

Può essere trasmessa direttamente dal richiedente o tramite un intermediario con delega al Cassetto fiscale del richiedente – a partire dal 6 giugno 2022 e non oltre il giorno 20 giugno 2022.

 

Attenzione, nel periodo in cui si può trasmettere l’istanza, in caso di errore, è possibile presentarne una nuova, in sostituzione di quella già inviata e – sempre entro il 20 giugno – può essere inviata una rinuncia, se il contributo richiesto non è spettante.

 

Dopo la presentazione dell’istanza verrà rilasciata ricevuta di presa in carico o di scarto; se la domanda viene presentata da un intermediario, l’Agenzia ne darà notizia all’impresa via PEC.

 

Link del Mise

 

https://www.mise.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/contributo-alla-ristorazione-collettiva#:~:text=dalla%20legge%20n.-,106%20del%2023%20luglio%202021%20(cd.,del%20settore%20della%20ristorazione%20collettiva

Torna all'elenco

In primo piano

POS Obbligatorio: dal 30 Giugno doppia sanzione per chi rifiuta la carta

POS Obbligatorio: dal 30 Giugno doppia sanzione per chi rifiuta la carta Vi ricordiamo che dal 30 giugno 2022 le attività commerciali che non accetteranno pagamenti in formato elettronico saranno soggette a sanzioni. La sanzione prevista è di 30…

Musica d’ambiente – Disdetta Accordo tra Siae e Soundreef Lea

VENERDÌ 1° LUGLIO, scadranno gli accordi tra Siae e LEA/Soundreef . Confcommercio, insieme a FIPE e Federalberghi ha incontrato AGCOM e il Ministero della Cultura, per riferire tutte le problematiche di una liberalizzazione che si è…

Confcommercio Professioni Talks – Giovedì 7 Luglio Ore 18.00

Evento in presenza Gratuito Giovedì 7 Luglio 2022 - Ore 18.00  Villa Otellio de Carvalho - Manzano (UD)  Nell'occasione sarà presentata la nuova convenzione stipulata tra Confcommercio Udine e Innolva Spa. Questa convenzione…

Aggiornamenti protocolli di contrasto al Covid

Confcommercio ha partecipato all’incontro promosso dal Ministro del lavoro con tutte le parti sociali, cui hanno preso parte anche i Ministeri della Salute e dello Sviluppo Economico, nonché l’INAIL. L’incontro odierno seguiva a quello del 4 maggio…