Operazioni di trattamento RAEE – Misure incentivanti per sistemi certificati

Si informa che nella Gazzetta Ufficiale del 3 agosto 2022 è stato pubblicato il decreto 15 giugno 2022, che introduce misure per incentivare l’adozione volontaria dei sistemi certificati di gestione ambientale di cui al Regolamento CE n.1221/09 (registrazione EMAS) per quelle imprese che effettuano operazioni di trattamento dei RAEE.

 

Le misure agevolative consistono nella concessione di contributi economici, nel limite delle risorse finanziarie disponibili, pari a euro 500.000,00 annui. Il contributo concesso sarà pari all’importo sostenuto per l’ottenimento della certificazione Emas e, comunque, fino ad un massimo di euro 15.000,00 per ciascuna impresa beneficiaria.

 

Le imprese che effettuano il trattamento di Raee e che intendono accedere al contributo devono certificare l’avvio della procedura per l’ottenimento della registrazione Emas, nonché produrre la relativa documentazione come verrà indicato in apposita procedura informatica.

Le imprese che hanno già ottenuto la certificazione Emas o hanno concluso il procedimento per l’ottenimento della registrazione Emas al momento di presentazione dell’istanza, sono escluse dalle agevolazioni. I termini e le modalità di presentazione delle domande di agevolazione saranno definiti con successivo provvedimento del Direttore Generale per l’economia circolare del Ministero della transizione ecologica, nel quale saranno resi disponibili lo schema di riferimento per la presentazione della domanda di ammissione alle agevolazioni e l’ulteriore documentazione necessaria per lo svolgimento dell’ attività istruttoria.

 

Le imprese, oltre ad essere autorizzate ai sensi dell’articolo 208 o dell’articolo 213 del d.lgs. 152/2006, dovranno, alla data di presentazione della domanda:

  •  risultare regolarmente costituite e iscritte al registro delle imprese;
  • risultare iscritte all’assicurazione generale obbligatoria o alla gestione separata;
  • non essere destinatarie di sanzioni interdittive o sottoposte a cause di decadenza o sospensione;
  • non trovarsi in stato di liquidazione o soggette ad una procedura concorsuale con finalità obbligatoria.

Il Ministero, trascorso il termine finale per la presentazione dell’istanza di accesso alle agevolazioni, provvederà a verificare la completezza e la regolarità della domanda e della documentazione allegata e, concluse positivamente le verifiche, determinerà l’agevolazione concedibile entro il limite delle risorse complessive.

 

I soggetti beneficiari sono tenuti a consentire e favorire lo svolgimento di tutti i controlli, ispezioni e monitoraggi disposti dal Ministero e corrispondere a tutte le richieste di informazioni.

 

Nel caso in cui l’importo complessivo delle agevolazioni concedibili ai richiedenti sia superiore all’intero ammontare della dotazione finanziaria, il Ministero procederà al riparto delle risorse disponibili in proporzione all’importo delle agevolazioni spettanti a ciascuna impresa richiedente.

 

Il Mite, successivamente alla erogazione del contributo, procederà allo svolgimento dei controlli per verificare, su un campione significativo di soggetti beneficiari, la veridicità delle dichiarazioni sostitutive rilasciate dalle imprese richiedenti.

 

Il contributo potrà essere revocato:

  • se viene accertato il mancato possesso di uno o più requisiti di ammissibilità;
  • se risultino false o non conformi le dichiarazioni rese e sottoscritte dal richiedente;
  • se il soggetto beneficiario non consenta le attività di controllo.

 

Si riporta, in allegato, il testo integrale del provvedimento.

Allegati

Torna all'elenco

In primo piano

Prossima apertura Bando FRI-Tur anno 2024 – misura PNRR rivolta ad…

E’ stato pubblicato sul sito del Ministero del Turismo l’Avviso Pubblico 7 maggio 2024 Prot. 0013142/24 relativo all’apertura del Bando Fondo rotativo imprese per il sostegno alle imprese e gli investimenti di sviluppo FRI.Tur 2024. Questa misura…

30 GIUGNO 2024 PROSSIMA SCADENZA OBBLIGO PUBBLICAZIONE DATI TRASPARENZA

Ricordiamo che il prossimo 30 giugno 2024 è il termine per adempiere agli obblighi di trasparenza delle erogazioni pubbliche ricevute nell’anno precedente (quindi nel 2023) superiori complessivamente ad € 10.000. E’ ormai da diversi anni che la…

CCIAA Pordenone-Udine: invito a evento su Arbitrato – 22 maggio 2024,…

Si informa che il prossimo 22 maggio alle ore 14:30 - in modalità on line - si terrà l'evento di presentazione della Convenzione stipulata nel dicembre 2023 tra questa Camera di Commercio e CAM Milano. Accanto alla mediazione, l’arbitrato da lungo…

Torna la Notte Bianca di Udine Venerdì 5 luglio 2024: ecco le modalità per…

Torna la "Notte bianca" a Udine il prossimo 5 luglio 2024,  coinvolgerà attivamente le attività commerciali di Udine, riproponendo il format di successo della "Notte bianca", già collaudato dal 2015 al 2018, con l'obiettivo è animare la città e…

Allegati