“Fare il pieno in regione costa meno”

Il presidente Unioncamere Fvg Da Pozzo e il vicepresidente Figisc Confcommercio Bearzi lanciano la campagna “Ma quanto ti costa?”

Fare il pieno fuori regione costa di più. Non si tratta solo di uno slogan anti-concorrenza degli operatori del Friuli Venezia Giulia per contenere gli effetti della crisi e la “fuga” oltre confine degli utenti, ma una certezza che deriva dal confronto dei numeri.

PERCHE’ CONVIENE IL RIFORNIMENTO “SOTTO CASA”
Una fotografia, quella dei prezzi alla pompa in regione e fuori regione, che è l’elemento principale di una campagna informativa promossa da Confcommercio-Figisc regionale, con il sostegno di Unioncamere Fvg, che ha l’obiettivo di dimostrare la convenienza assoluta del “rifornimento sotto casa”,  rispetto a quello negli Stati confinanti. Questa mattina la presentazione dell’iniziativa in conferenza stampa, alla presenza del presidente Unioncamere Fvg GIovanni Da Pozzo e del vicepresidente della Figisc regionale Bruno Bearzi, assieme al presidente di Confcommercio Fvg Pio Traini e, per la Regione, al consigliere Enio Agnola.
«La verità è riassunta in un pieghevole che ricorda le normative, e quindi le agevolazioni previste a favore dei cittadini residenti – spiegano il presidente regionale Figisc Mauro Di Ilio e il suo vice Bruno Bearzi –, precisa nel dettaglio come è composto il prezzo finale del carburante e pone l’attenzione anche sui costi chilometrici di varie tipologie di autoveicoli, al fine di far valutare al consumatore i costi connessi al rifornimento extraregione». «Come Unioncamere abbiamo voluto sostenere questa campagna, che si innesta peraltro nelle nostre competenze e nella nostra esperienza, visto che sono proprio le Camere di Commercio a gestire i carburanti per conto della Regione – aggiunge il presidente Uniocamere Fvg Giovanni Da Pozzo –. L’idea permette di fare chiarezza, numeri alla mano, sui costi effettivi per i cittadini, aiutandoli a scegliere consapevolmente e a capire meglio come risparmiare tempo e denaro».

IL CONFRONTO DELLE CIFRE
Scorrendo il pieghevole si scopre così che se all’erario finiscono poco meno di 60 euro dei 100 spesi per un pieno, il benzinaio ne trattiene solo 2,06 sulla benzina e 2,13 sul gasolio. E ancora che la differenza media tra i prezzi italiani e quelli sloveni, a fronte del contributo pubblico, è oggi notevolmente ridotta: 0,17 euro sulla benzina, 0,23 sul gasolio. «Differenza di fatto abbattuta dai costi chilometrici per recarsi fuori regione – sottolineano Di Ilio e Bearzi –, cui vanno però aggiunti anche quelli di esercizio, in particolare per pneumatici e riparazioni».

IL BILANCIO BENEFICI/COSTI
Il risultato, numeri alla mano, è che «il bilancio benefici/costi di un approvvigionamento in terra straniera – rimarcano ancora i vertici di Confcommercio-Figisc Fvg – è praticamente sempre negativo per i residenti in area 1 e lo diventa, per i residenti di area 2, non appena si supera la distanza di 15 chilometri dal confine, con un peggioramento progressivo della situazione a distanze più alte tra il luogo di residenza e l’impianto di distribuzione. E a distanza più basse il vantaggio non supera in ogni caso il valore medio di 2 euro su ciascun pieno».

L’INFORMAZIONE FIGISC
La campagna, presentata in Camera di commercio di Udine, prevede la distribuzione a tutti i gestori della Regione di alcuni materiali: una cornice “Optiframe clik clak”, che dovrà essere posizionata in maniera visibile (all’interno o all’esterno a seconda delle tipologie di vendita) e sulla quale verrà inserito un manifesto informativo che avrà diverse uscite, ricalcando temi legati ai prezzi carburante o altri argomenti di attualità per la categorie e l’utenza. Contestualmente verrà distribuito ai clienti il pieghevole che è il “cuore” dell’iniziativa, in quanto evidenzia la composizione del prezzo alla pompa, l’entità degli sconti regionali, le differenze di prezzo, i costi chilometrici di tre tipologie di auto e il bilancio benefici/costi tra km percorsi e differenze di prezzo.

Torna all'elenco

In primo piano

POS Obbligatorio: dal 30 Giugno doppia sanzione per chi rifiuta la carta

POS Obbligatorio: dal 30 Giugno doppia sanzione per chi rifiuta la carta Vi ricordiamo che dal 30 giugno 2022 le attività commerciali che non accetteranno pagamenti in formato elettronico saranno soggette a sanzioni. La sanzione prevista è di 30…

Musica d’ambiente – Disdetta Accordo tra Siae e Soundreef Lea

VENERDÌ 1° LUGLIO, scadranno gli accordi tra Siae e LEA/Soundreef . Confcommercio, insieme a FIPE e Federalberghi ha incontrato AGCOM e il Ministero della Cultura, per riferire tutte le problematiche di una liberalizzazione che si è…

Confcommercio Professioni Talks – Giovedì 7 Luglio Ore 18.00

Evento in presenza Gratuito Giovedì 7 Luglio 2022 - Ore 18.00  Villa Otellio de Carvalho - Manzano (UD)  Nell'occasione sarà presentata la nuova convenzione stipulata tra Confcommercio Udine e Innolva Spa. Questa convenzione…

Aggiornamenti protocolli di contrasto al Covid

Confcommercio ha partecipato all’incontro promosso dal Ministro del lavoro con tutte le parti sociali, cui hanno preso parte anche i Ministeri della Salute e dello Sviluppo Economico, nonché l’INAIL. L’incontro odierno seguiva a quello del 4 maggio…