Emergenza Coronavirus: Due Ordinanze del Ministro della Salute riducono alcune restrizioni agli ingressi dall’Estero ed estendono i voli Covid tested

Termina l’obbligo di mini quarantena di 5 giorni con test al termine per gli ingressi da Paesi dell’UE, Norvegia, Liechtenstein, Islanda, Svizzera, Andorra e Principato di Monaco diventano possibili gli ingressi per turismo da Stati Uniti, Canada e Giappone e si estendono i voli Covid tested da Canada, Giappone, Stati Uniti ed Emirati Arabi Uniti.

La prima ordinanza del 14 maggio, rimodula in maniera meno restrittiva, alcuni aspetti della regolamentazione degli ingressi in Italia dall’Estero.

In particolare, per coloro che fanno ingresso, per qualsiasi durata, dagli Stati e territori dell’Elenco C dell’allegato 20 del DPCM 2 marzo u.s.-ovvero dai Paesi dell’Unione Europea, Norvegia, Liechtenstein, Islanda, Svizzera, Andorra e Principato di Monaco, cui continuano ad aggiungersi Israele e Regno Unito-si prevede l’obbligo di presentare al vettore o a chi sia addetto ai controlli, la certificazione verde prevista dall’art. 9, comma 2 del D.L. 22 aprile 2021 n.52, da cui risulti di essersi sottoposti, nelle 48 ore precedenti a test a mezzo di tampone, risultato negativo.

In assenza di tale certificazione, scatterà l’obbligo di isolamento fiduciario di 10 giorni, con effettuazione di test a mezzo di tampone al suo termine. Rimango le eccezioni come nella precedente ordinanza (personale viaggante, soggiorni brevi meno di 120 ore per motivi di lavoro salute o urgenza etc). In attesa che siano emanate le linee guida sulla certificazione verde, si può continuare a presentare un documento che attesti l’esito negativo di un test molecolare o antigenico condotto a mezzo di tampone, nelle 48 ore prima dell’arrivo in Italia.

 

Per gli ingressi da questi Paesi, inoltre, non viene confermato e, pertanto, cessa di trovare applicazione, l’obbligo di isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria di 5 giorni, con test a mezzo di tampone al suo termine.

 

Per gli ingressi dagli altri Paesi Esteri degli elenchi D ed E dell’allegato 20 del DPCM 2 marzo u.s.,- ovvero tutti gli altri Paesi esteri tranne Vaticano e San Marino- l’ordinanza conferma l’obbligo di presentare l’attestazione di essersi sottoposti, adesso nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia, a test a mezzo di
tampone, risultato negativo ( con le consuete eccezioni).

 

Da ultimo, la seconda Ordinanza firmata ieri dal Ministro della Salute, prevede che i voli Covid tested (che, ricordiamo, consentono l’ingresso in Italia senza dover eseguire il periodo di isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria) possono essere attivati anche da Canada, Giappone, Stati Uniti ed Emirati Arabi Uniti, verso gli aeroporti di Roma-Fiumicino, Milano Malpensa, Napoli e Venezia.

 

Per ogni informazione più dettagliata rimandiamo alla lettura delle Ordinanze e al sito, costantemente aggiornato e molto utile, http://www.viaggiaresicuri.it/.

 

SCARICA L’ORDINANZA

Torna all'elenco

In primo piano

POS Obbligatorio: dal 30 Giugno doppia sanzione per chi rifiuta la carta

POS Obbligatorio: dal 30 Giugno doppia sanzione per chi rifiuta la carta Vi ricordiamo che dal 30 giugno 2022 le attività commerciali che non accetteranno pagamenti in formato elettronico saranno soggette a sanzioni. La sanzione prevista è di 30…

Musica d’ambiente – Disdetta Accordo tra Siae e Soundreef Lea

VENERDÌ 1° LUGLIO, scadranno gli accordi tra Siae e LEA/Soundreef . Confcommercio, insieme a FIPE e Federalberghi ha incontrato AGCOM e il Ministero della Cultura, per riferire tutte le problematiche di una liberalizzazione che si è…

Confcommercio Professioni Talks – Giovedì 7 Luglio Ore 18.00

Evento in presenza Gratuito Giovedì 7 Luglio 2022 - Ore 18.00  Villa Otellio de Carvalho - Manzano (UD)  Nell'occasione sarà presentata la nuova convenzione stipulata tra Confcommercio Udine e Innolva Spa. Questa convenzione…

Aggiornamenti protocolli di contrasto al Covid

Confcommercio ha partecipato all’incontro promosso dal Ministro del lavoro con tutte le parti sociali, cui hanno preso parte anche i Ministeri della Salute e dello Sviluppo Economico, nonché l’INAIL. L’incontro odierno seguiva a quello del 4 maggio…