Confcommercio su effetti coronavirus: all’orizzonte 50 miliardi di consumo in meno

Con il protrarsi delle chiusure delle attività produttive e di quelle del terziario – come il commercio, il turismo, i servizi, i trasporti e le professioni – e con la prospettiva che questa situazione si prolunghi nel tempo, la situazione economica e il calo dei consumi sono destinati a peggiorare.
E, nella difficoltà di prevedere a breve il ritorno ad una situazione “normale”, rischia di saltare la previsione più ottimistica che era quella della “riapertura” dell’Italia a giugno che avrebbe comportato, per il 2020, la perdita di 1 punto di Pil e 18 miliardi di consumi. Si fa, quindi, più realistica l’ipotesi della riapertura del Paese solo all’inizio di ottobre, con una riduzione dei consumi di oltre 52 miliardi e un calo del Pil di circa il 3%, stime che incorporano anche gli aiuti stanziati con l’ultimo decreto: è quanto prevede l’Ufficio Studi Confcommercio sugli effetti del lockdown a causa del coronavirus.

In quest’ultima ipotesi – prosegue la nota – i settori che saranno più colpiti sono: alberghi e ristorazione (-23,4 mld di consumi nel 2020), trasporti e acquisto autoveicoli (-16,5 mld), cultura e tempo libero (-8,2 mld), abbigliamento (-6,6 mld).

È evidente – conclude l’Ufficio Studi – che tutte le misure annunciate dalla BCE per evitare che dal settore reale la crisi migri a quello finanziario, così come i diversi interventi progettati a livello internazionale per assicurare un movimento ordinato del rendimento dei titoli sovrani dei diversi Paesi, non potranno evitare la recessione, ma ne mitigheranno l’impatto favorendo le condizioni di ripresa una volta superata l’emergenza sanitaria.

 

 

Stime per i principali settori di consumo per il 2020 nell’ipotesi di “riapertura Italia” a inizio ottobre.

Fonte: elaborazioni Ufficio Studi Confcommercio

 

Quadro macroeconomico interno ipotesi riapertura Italia 1° ottobre
v.m.a. % in termini reali se non diversamente indicato

Fonte: elaborazioni Ufficio Studi Confcommercio

Torna all'elenco

In primo piano

Attenzione:nuova ordinanza regionale in vigore da sabato 4 aprile 2020

La Regione Friuli Venezia Giulia ha emanato una nuova ordinanza in vigore da sabato 4 aprile e fino a lunedì 13 aprile. Oltre alla conferma dell’obbligo di limitare gli spostamenti per motivi di lavoro, di salute o di necessità, ivi compreso…

Coronavirus: Nuovo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1…

Si allega il testo del nuovo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri con cui si dispone la proroga dal 3 aprile fino al 13 aprile 2020 dell’efficacia delle disposizioni contenute nei decreti del Presidente del Consiglio emanati in data 8,…

L’elenco delle imprese attive in provincia nel servizio di consegna a…

Hanno superato quota 100 le imprese di Confcommercio Udine che mettono a disposizione del cliente il servizio della consegna a domicilio, evidentemente importante nell’emergenza sanitaria in corso, con le famiglie costrette quanto possibile alla…

Elenco delle attività che possono restare aperte

Visto che molte FAQ continuano ad essere su chi può o meno rimanere aperto, vi ricordiamo che sul sito di Confcommercio Nazionale è presente l’elenco delle attività che possono rimanere aperte (troverete tutti codici, sia dell’11 che del 22 marzo)…