Credito d’imposta per cuochi professionisti

CREDITO D’IMPOSTA PER CUOCHI PROFESSIONISTI

 

Questa agevolazione è prevista – nella forma di credito di imposta – dalla Legge di Bilancio 2021 e dal Decreto Interministeriale del 1° luglio 2022  per cuochi professionisti autonomi e dipendenti presso alberghi e ristoranti per le spese sostenute per l’acquisto di beni durevoli e corsi di aggiornamento  tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022

il credito d’imposta viene erogato ai sensi del regolamento “de minimis”  nella misura massima del 40% del costo delle spese ammissibili e l’agevolazione massima concedibile per ciascun beneficiario non può – comunque – eccedere l’importo di € 6.000

 

Le domande possono essere presentate al Ministero

fino alle ore 15.00 del 3 aprile 2023

tramite apposita piattaforma telematica  https://mimitdgiaibonuschef.invitalia.it/

che prevede l’identificazione e l’autenticazione tramite SPID, CIE o CNS

 

requisito obbligatorio è essere in possesso di una PEC attiva

 

Questi i destinatari dell’agevolazione:

  • lavoratori dipendenti;
  • lavoratori autonomi con partita IVA, anche senza codice ATECO 5.2.2.1.0.

facendo attenzione che il requisito fondamentale per accedere al credito d’imposta è quello di operare presso alberghi e ristoranti

che devono:

  1. essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato
  2. essere alle dipendenze, con regolare contratto di lavoro subordinato, di alberghi e ristoranti, ovvero titolari di partiva IVA per attività di cuoco professionista svolta presso le medesime predette strutture, almeno a partire dalla data del 1 gennaio 2021

più precisamente:

  • essere stati alle dipendenze, di alberghi e ristoranti, con regolare contratto di lavoro subordinato attivo in tutto o parte del periodo compreso tra il 1 gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022

oppure:

  • essere stati titolari di partiva IVA, per attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti, in tutto o parte del periodo compreso tra il 1 gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022
  1. essere nel pieno godimento dei diritti civili

 

Sono ammissibili all’agevolazione le spese relative a:

  • l’acquisto di macchinari di classe energetica elevata destinati alla conservazione, lavorazione, trasformazione e cottura dei prodotti alimentari
  • l’acquisto di strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione
  • la partecipazione a corsi di aggiornamento professionale

 

Relativamente all’acquisto di macchinari di classe energetica elevata, sono ammissibili le seguenti classi energetiche:

  • A, B e C per i macchinari riportanti l’etichettatura su scala da A a G di cui al regolamento (UE) n. 1369/2017 del Parlamento europeo e del Consiglio del 4 luglio 2017 (GUUE L 198 del 28 luglio 2017, e ss.mm.ii.);
  • A+, A++ e A+++ per i macchinari riportanti l’etichettatura su scala da A+++ a D, di cui alla direttiva (UE) n. 30/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 maggio 2010 (GUUE L 153 del 18 giugno 2010);
  • A+, A++ e A+++ relativamente ai soli apparecchi di cottura per i quali è applicato il sistema di etichettatura su scala da A+++ a G, di cui al regolamento (UE) n. 65/2014 della Commissione del 1° ottobre 2013 (GUUE L 29 del 31 gennaio 2014).

 

Attenzione ai fini dell’ammissibilità, le spese devono essere pagate attraverso conti correnti intestati al soggetto beneficiario e con modalità che consentano la piena tracciabilità del pagamento e l’immediata riconducibilità dello stesso alla relativa fattura o ricevuta.

Non sono ammissibili all’agevolazione le spese relative a imposte e tasse. L’imposta sul valore aggiunto è ammissibile all’agevolazione solo se la stessa rappresenta per il beneficiario un costo effettivo non recuperabile.

E’ possibile presentare una solo domanda che deve contenere:

  • l’autocertificazione del possesso dei requisiti richiesti dalla normativa per l’accesso all’agevolazione
  • la dichiarazione:
  • dell’importo dell’agevolazione richiesta
  • i dati e le informazioni relativi alle spese ammissibili
  • i titoli giustificativi delle spese sostenute, esclusivamente in formato digitale, aventi data compresa dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022
  • copia dell’estratto del conto corrente dal quale sia possibile riscontrare l’evidenza dei pagamenti effettuati
  • eventuale documentazione comprovante lo stato di classe energetica elevata per ciascuno dei macchinari oggetto di richiesta
  • il contratto di lavoro subordinato o – per i titolari di partita IVA – una o più fatture emesse per la prestazione del servizio di cuoco professionista nei confronti di alberghi e ristoranti.

 

Ai fini dell’attribuzione dell’agevolazione, le domande presentate nel primo giorno utile saranno trattate alla stessa stregua di quelle presentate l’ultimo giorno disponibile; in ogni caso l’ordine temporale di presentazione delle domande non determina alcun vantaggio né penalizzazione nel trattamento delle stesse.

Le domande presentate fuori dai termini, oppure con modalità diverse rispetto a quelle previste, rendono la domanda irricevibile.

 

Si ricorda che questo credito d’imposta:

  • è utilizzabile in compensazione mediante F24
  • è escluso da IRPEF e IRAP
  • non concorre alla determinazione del rapporto di deducibilità.

può essere ceduto ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

 

 

Per ulteriori informazioni

https://www.mise.gov.it/it/incentivi/credito-dimposta-per-cuochi-professionisti

Torna all'elenco

In primo piano

Riforma del mercato elettrico – Regolamento 2024/1747 e Direttiva…

Il 26 giugno scorso sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea il Regolamento (UE) 2024/1747 e la Direttiva (UE) 2024/1711, in materia di riforma del mercato elettrico. I provvedimenti vanno nella direzione di perseguire…

Importante dichiarazione Confcommercio Udine dopo incontro odierno in…

Confcommercio provinciale di Udine, con i delegati della Camera di Commercio Antonio Dalla Mora e Giovanni Pigani, considera una grande vittoria l’esito del confronto di stamattina al Comitato per l'ordine e la sicurezza, convocato dal prefetto di…

Confcommercio Federalberghi Udine: «Informeremo i turisti dell’iniziativa…

Gli albergatori di Confcommercio Federalberghi e della rete “Udine chiavi in mano” non potranno chiudere le loro attività, ma si dicono «completamente d’accordo» con la decisione dei pubblici esercizi aderenti a Confcommercio di chiudere i locali…

Ente Bilaterale: tanti nuovi aiuti per imprese e lavoratori

Si sono aperti l' 1 Luglio 2024, alle ore 9:00, i bandi mutualità degli enti bilaterali EBT FVG e EBTUR FVG. È ammissibile la presentazione di un massimo di 2 domande nel corso dell’anno per un massimo complessivo di 2 linee di…