BONUS ACQUA POTABILE – Domande aperte fino al 28 febbraio 2023

BONUS ACQUA POTABILE

Domande aperte fino al 28 febbraio 2023

 

Il Bonus acqua potabile è un’agevolazione che prevede un credito d’imposta del 50% per acquistare e installare sistemi di filtraggio per razionalizzare e migliorare la qualità dell’acqua dei rubinetti, incentivando così famiglie e imprese a ridurre il consumo di contenitori di plastica. La misura copre le spese effettuate dal dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2023.

 

Il contributo è gestito dall’Agenzia delle Entrate e sarà monitorato da Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

 

Dal primo al 28 febbraio 2023 è possibile comunicare all’Agenzia delle Entrate l’importo delle spese sostenute lo scorso anno per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare.

 

L’agevolazione, gestita dall’Agenzia delle Entrate, consiste in un credito d’imposta del 50% delle spese sostenute, dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2023, per comprare e installare sistemi di:

  • filtraggio;
  • mineralizzazione;
  • raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare.

L’importo massimo delle spese è di:

  • mille euro per ciascun immobile, per le persone fisiche;
  • 5mila euro per ogni immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale, per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni e gli enti non commerciali.

I soggetti beneficiari sono: persone fisiche, soggetti esercenti ed enti non commerciali

Le informazioni sugli interventi andranno trasmesse in via telematica all’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, che è stata incaricata di monitorare l’effettiva riduzione della plastica, con tempi e modalità che saranno indicate successivamente. L’ente, infatti, trasmetterà una relazione ai Ministeri dell’Ambiente, dell’Economia e dello Sviluppo economico una relazione sui risultati ottenuti.

 

Dal primo al 28 febbraio 2023 è possibile comunicare all’Agenzia delle Entrate l’ammontare delle spese sostenute nel 2022 per ricevere il credito d’imposta del 50%.

 

Per ottenere il contributo è necessario comunicare le spese sostenute, documentate con una fattura elettronica o un documento commerciale dove compare il codice fiscale del soggetto che richiede il credito. Per i privati e più in generale i soggetti diversi da quelli che esercitano un’attività d’impresa in regime di contabilità ordinaria, il pagamento andrà effettuato con versamento bancario o postale o con altri sistemi di pagamento diversi dai contanti.

Il bonus può essere utilizzato in compensazione tramite F24 (codice tributo 6975), oppure, per le persone fisiche non esercenti attività d’impresa o lavoro autonomo, anche nella dichiarazione dei redditi per l’anno della spesa e in quelle degli anni successivi fino al completo utilizzo del contributo.

Per presentare la comunicazione si accede all’area riservata dell’Agenzia delle Entrate tramite SPID, CIE, CNS o codice fiscale, o tramite un intermediario abilitato. Vengono richiesti l’importo della spesa sostenuta, l’importo teorico del credito di imposta, i dati catastali dell’immobile dove è stato installato il sistema agevolato.

 

 

Allegati

Torna all'elenco

In primo piano

Evento di reclutamento della rete Eures

Il Tavolo di confronto permanente istituito nell’ambito della rete Eures di cui fa parte Confcommercio, nel corso dell’ultimo incontro del 2 luglio scorso, ha promosso l’ EURES Italy for Employers' day , il tradizionale evento di reclutamento della…

Programma Stagione 2024/2025 del Teatro Nuovo Giovanni da Udine

La nuova Stagione del Teatro Nuovo Giovanni da Udine sta per partire e quest’anno riserva molte belle soprese! Troverete i migliori spettacoli di Prosa, Musica, Opera, Operetta e Danza. Se vuoi rinnovare un abbonamento ai nostri spettacoli, il…

Riforma del mercato elettrico – Regolamento 2024/1747 e Direttiva…

Il 26 giugno scorso sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea il Regolamento (UE) 2024/1747 e la Direttiva (UE) 2024/1711, in materia di riforma del mercato elettrico. I provvedimenti vanno nella direzione di perseguire…

Importante dichiarazione Confcommercio Udine dopo incontro odierno in…

Confcommercio provinciale di Udine, con i delegati della Camera di Commercio Antonio Dalla Mora e Giovanni Pigani, considera una grande vittoria l’esito del confronto di stamattina al Comitato per l'ordine e la sicurezza, convocato dal prefetto di…

Allegati