Aspetti di maggior interesse per le nostre imprese su liquidità – moratorie – garanzie ed altro derivanti dalla Legge di Bilancio 2021 (n. 178 del 30 dicembre 2020)

Prorogate al 30 giugno 2021 le principali misure a sostegno della liquidità (ricordiamo che la normativa nasce con il DL Liquidità n. 23/2020) :

  • la Legge di Bilancio ha confermato e prorogato al 30 giugno 2021 le misure per l’accesso al credito delle PMI ed il sostegno alla liquidità delle imprese danneggiate dalla pandemia Covid-19
  • con il rifinanziamento del Fondo Centrale di Garanzia PMI il piano di ammortamento dei finanziamenti fino a € 30.000 – con garanzia al 100% – può avere una durata massima di 15 anni;  chi alla data del 1°gennaio 2021 aveva già ottenuto il finanziamento garantito dal Fondo, può fare richiesta alla propria banca dell’estensione del piano di ammortamento con adeguamento del tasso d’interesse alla maggiore durata
  • moratoria PMI: la moratoria sui debiti a breve, sui mutui e sui leasing (introdotta dall’art 56 DL Cura Italia n 18/2020 e prorogata dal DL Agosto n 104/2020) viene estesa al 30 giugno 2021. Ricordiamo che per l’ impresa che già beneficiavano della moratoria all’entrata in vigore della Legge di Bilancio la proroga è automatica  salvo il fatto che l’impresa stessa non abbia rinunciato spontaneamente per iscritto entro il 31 gennaio 2021
  • viene prorogata al 30 giugno 2021 la possibilità di accedere allo strumento SACE per il rilascio delle garanzie previste dall’art 1 DL Liquidità, estendendola anche ai finanziamenti destinati alla rinegoziazione del debito. Questa operazione permette di assicurare liquidità alle imprese colpite dal COVID-19 al fine di impiegare la garanzia anche per rinegoziare e consolidare gli indebitamenti purché il finanziamento preveda l’erogazione di credito aggiuntivo del 25% dell’importo del finanziamento oggetto della rinegoziazione e a condizione che il rilascio della garanzia sia idoneo a determinare un minor costo
  • dal 1° marzo 2021 al 30 giugno 2021 la Garanzia Italia Sace viene estesa anche alle medie imprese con dipendenti tra 250 e 499 (mid-cap) che potranno così accedere alla garanzia alle condizioni agevolate concesse dal Fondo PMI (garanzia 90% del finanziamento per un importo massimo garantito di 5 milioni di euro, o di importo inferiore in caso di capitale non rimborsato da eventuali finanziamenti già assistiti dalla garanzia del Fondo PMI)

 

  • “Nuova Sabattini” è stato semplificato e velocizzato il rimborso del contributo statale previsto per le PMI, infatti, permetterà alle nuove domande di ottenere l’erogazione in un’unica soluzione (e non più in diverse tranches) anche per i finanziamenti di importo superiore a € 200.000
  • Turismo: esenzione prima rata Imu 2021 e prolungamento del credito d’imposta sugli affitti di imprese turistiche ricettive, agenzie di viaggio e tour operator al 30 aprile 2021
  • Ristorazione: a sostegno di questo settore fortemente limitato dal Covid- 19 è stato chiarito che sull’asporto e la consegna a domicilio di pasti pronti l’aliquota IVA è ridotta al 10%
  • Auto: per favorire la ripresa del mercato e rinnovare il parco macchine, vengono prorogati al 2021 gli incentivi per gli acquisti di veicoli ibridi o elettrici con rottamazione di auto con almeno 10 anni di vita
  • Fondo a sostegno dell’impresa femminile : viene istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico, il Fondo a sostegno dell’impresa femminile con una dotazione di 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022; questo al fine di promuovere e sostenere l’avvio ed il rafforzamento dell’imprenditoria femminile. Ecco una sintesi:
    • Beneficiarie sono le imprese femminili, in qualsiasi modalità costituite e di qualunque dimensione, comprese le start-up e le piccole e medie imprese innovative, con sede legale o unità operativa in Italia; rientrano anche le donne che esercitano attività professionali e le donne che intendano avviare attività d’impresa o professionale.

    • Interventi che il Fondo sosterrà:

      1. interventi per sostenere l’avvio dell’attività, gli investimenti e il rafforzamento della struttura finanziaria e patrimoniale delle imprese femminili, con specifica attenzione ai settori dell’alta tecnologia;

      2. programmi e iniziative per la diffusione della cultura imprenditoriale tra la popolazione femminile;

      3. programmi di formazione e orientamento verso materie e professioni in cui la presenza femminile deve essere adeguata alle indicazioni di livello dell’Unione europea e nazionale

    • Agevolazioni: potranno assumere una o più delle seguenti forme:

    • contributi a fondo perduto per avviare imprese;

    • finanziamenti senza interesse, finanziamenti agevolati e combinazione di contributi a fondo perduto e finanziamenti;

    • incentivi nella forma di contributo a fondo perduto (misura massima 80%) per l’integrazione del fabbisogno del circolante;

    • percorsi di assistenza tecnico-gestionale per attività di marketing e di comunicazione;

    • investimenti nel capitale, anche tramite la sottoscrizione di strumenti finanziari partecipativi;

    • investimenti nel capitale di rischio;

    • azioni di comunicazione per la promozione del sistema imprenditoriale femminile.

Le modalità, le diverse tipologie di intervento del Fondo e i requisiti di accesso saranno definiti con un decreto attuativo da parte del Ministero dello Sviluppo economico, in collaborazione con il Ministero dell’Economia e delle finanze e con il Ministro per le pari opportunità e la famiglia, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Bilancio.

Torna all'elenco

In primo piano

Neuromarketing nei servizi, il NUOVO seminario online. Giovedì 25 marzo…

Il prossimo 25 marzo dalle ore 14.00 alle ore 16.00 imprese e professionisti potranno partecipare gratuitamente, previa iscrizione, al seminario online “Neuromarketing nei servizi: piccole e potenti azioni per vendere di più e vendere meglio”.…

PROROGA PAGAMENTO DIRITTI CONNESSI SCF NEGOZI E GALLERIE COMMERCIALI

In ragione del perdurare dell’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia da COVID-19 ed in considerazione delle disposizioni governative a tutela della salute pubblica, gli organi di SCF hanno disposto la proroga al 30 aprile p.v. del termine di…

Confcommercio Fvg: incassi in calo con i saldi per il 60% dei commercianti,…

Il prolungato periodo di chiusura delle attività economiche ha stoppato la ripresa della fiducia registrata nei mesi estivi, quando il terziario del Friuli Venezia Giulia aveva ripreso a correre. Gli imprenditori del commercio, del turismo e dei…

Legge Regionale 2/2021 – art. 2 – Misure di sostegno e per la…

Dal 1° marzo 2021 le domande per la richiesta dei ristori a fondo perduto Per le attività culturali e sportive si aprono i termini - dal 1° al 15 marzo 2021 - per presentare richiesta di sovvenzione a titolo di ristoro causa restrizioni anti Covid…