Sede
Sei in: News | Eventi | Comunicati » News


GLI ARROTONDAMENTI DEI PAGAMENTI IN CONTANTI: SOSPENSIONE DEL CONIO DELLE MONETE DA 1 E 2 CENTESIMI

Data pubblicazione: 05/02/2018

Ricordiamo che per effetto delle disposizioni contenute nella Legge 96/2017 (di conversione del DL 50/2017) da gennaio 2018 è sospeso il conio delle monetine da 1 e 2 centesimi, anche se le stesse continueranno a poter essere utilizzate  (i centesimi in circolazione conservano il loro valore legale e dunque potranno essere usati per pagare ovviamente le cifre arrotondate per eccesso e per difetto ai 5 centesimi).


Tutti i pagamenti in contanti devono essere arrotondati per l’importo complessivo da pagare (e non per i singoli prodotti e/o servizi) per eccesso o per difetto ai cinque centesimi superiori o inferiori :


                       1 e 2 centesimi = arrotondamento a “zero”, per difetto


                       3 e 4 centesimi = arrotondamento a 5 centesimi, per eccesso


                       6 e 7 centesimi = arrotondamento a 5 centesimi, per difetto


                       8 e 9 centesimi = arrotondamento a 10 centesimi, per eccesso


 


Esempi:
*  importo complessivo da pagare 36,14 euro, il conto viene arrotondato per eccesso a


   36,15 euro
*  importo complessivo da pagare 36,12 euro, il conto viene arrotondato per difetto a 36,10


 


Se il pagamento avviene con altri strumenti, per esempio con carta di credito/debito l’importo non si arrotonda.


 


Se il commerciante o  l’esercente  è già a conoscenza del metodo di pagamento utilizzato dal cliente può evidenziare nello scontrino l’arrotondamento, in caso contrario verrà annotato nella contabilità come arrotondamento attivo o passivo.


 


Si ricorda inoltre che la Legge di Bilancio  2018 ha stabilito il divieto di effettuare pagamenti in contanti ai dipendenti, a prescindere dal tipo di contratto in essere, quindi anche per i dipendenti a chiamata.



I pagamenti possono essere effettuati solamente a mezzo banca, posta.
Le sanzioni vanno da 1.000,00 a 5.000,00 euro.  Questa disposizione entra in vigore il 1°/7/2018.