Sede
News | Eventi | Comunicati » Eventi e iniziative


Corsi di Primavera di Udine Città degli orti

Data pubblicazione: 29/03/2018


Ripartono gli incontri e le lezioni gratuite aperte al pubblico dei ''Corsi di Primavera di Udine Città degli orti”, il ciclo formativo, organizzato da Agenda 21 del Comune di Udine, che accompagna il progetto “L’Orto e la Luna – orti urbani udinesi”  e che ha riscosso successo e apprezzamento nelle precedenti edizioni.


Subito “in campo”, anzi “in orto”, venerdì 13 aprile, a partire dalle ore 16.00, con la visita e la riapertura dell'Orto Botanico di via Bariglaria.


Nel corso dell’evento Antonino Danelutto (farmacista e botanico) e i volontari dell’orto botanico illustreranno i “segreti” dell’orto botanico annesso all’orto urbano di via Bariglaria, che conta una settantina di piante alimentari ed altrettante con proprietà curative, oltre a una sezione dedicata alle piante velenose.


 


Venerdì 20 aprile alle ore 17.30 presso la sala dell’ex Circoscrizione, in via Santo Stefano 5, Severino Del Giudice, agronomo esperto di tecnica gestionale delle aziende agricole con metodo biologico, nel corso dell’incontro “Coltivare il nostro orto” parlerà di impianto e tecnica dell’orto. Consigli e suggerimenti per tutti, esperti e non, per avvicinarsi al mondo degli orti urbani: dalla preparazione del terreno, cosa e come coltivare, alla preparazione del compost e altro.


 


Si prosegue giovedì 26 aprile alle ore 17.30 nella sala parrocchiale S. Giovanni Battista in via Genova 1 a Godia, con la lezione “Erbe aromatiche e germogli di primavera: come usarli in cucina”  a cura di di Emanuele Scarello, due stelle Michelin, patron del Ristorante “Agli Amici 1887”.


Per tutti gli incontri l’accesso è gratuito fino a capienza sale (posti limitati).


Per informazioni: Ufficio Agenda 21 (0432 1272525 - 615 email agenda21@comune.udine.it).


 





News
  • Saldi al via, Confcommercio Udine ricorda le regole

    Le vendite di fine stagione estiva nel Friuli Venezia Giulia decorreranno da sabato 7 luglio e fino al 30 settembre 2018. Confcommercio Udine ricorda innanzitutto che non è più dovuta alcuna comunicazione al Comune. Ma non mancano varie altre norme da rispettare.


    Nel caso l’impresa intenda sfruttare l’intero periodo si dovrà prevedere una pur minima interruzione (anche di un solo giorno). Da tempo è stato invece soppresso anche il divieto di effettuare vendite promozionali nei 40 giorni che precedono i saldi.


    Le vendite di fine stagione denominate anche saldi riguardano i prodotti di carattere stagionale o di moda, suscettibili di notevole deprezzamento qualora non vengano venduti entro un certo periodo di
    tempo.
    La presentazione al pubblico delle vendite di fine stagione deve esplicitamente contenere l’indicazione della natura di detta vendita. È obbligatorio esporre il prezzo praticato ordinariamente e lo sconto o ribasso espresso in percentuale sul prezzo normale di vendita che si intende praticare nel corso della vendita di fine stagione e il prezzo finale.


    La pubblicità deve essere presentata graficamente in modo non ingannevole per il consumatore e contenere un’informazione veritiera per quanto attiene sia la composizione merceologica, sia la qualità
    delle merci vendute, nonché gli sconti o ribassi praticati. Le merci in offerta devono essere presentate in maniera distinta e separata da quelle eventualmente poste in vendita alle condizioni ordinarie. Ove
    una tale separazione non sia possibile la vendita ordinaria deve essere sospesa.


    Nel caso che per una stessa tipologia merceologica vengano praticati al consumatore prezzi di vendita diversi a seconda della varietà degli articoli che rientrano in tale tipologia, è fatto obbligo di indicare
    nel materiale pubblicitario ed espositivo tutti i prezzi con lo stesso rilievo tipografico e visivo.  Nel caso venga indicato un solo prezzo, è fatto obbligo di vendere a quel prezzo tutti gli articoli che rientrano nella tipologia reclamizzata.


    È infine fatto obbligo di esporre un cartello indicante la dicitura “vetrina in allestimento” per il tempo necessario a sostituire i prezzi praticati ordinariamente con i prezzi dei prodotti in vendita alle condizioni di sconto o ribasso.


     

  • Diritto annuale

    IL 2 LUGLIO SCADE IL TERMINE PER IL PAGAMENTO DEL DIRITTO ANNUALE CAMERALE


    Sono tenute al pagamento del diritto annuale tutte le imprese iscritte o annotate nel registro delle imprese al 1° gennaio di ogni anno, nonchè le imprese iscritte o annotate nel registro delle imprese nel corso dell'anno di riferimento.
    Nel caso di trasferimento della sede legale o principale dell'impresa in altra provincia, il diritto è dovuto alla Camera di Commercio in cui è ubicata la sede legale al 1° gennaio.


    Il diritto annuale si versa entro il termine per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi 2018: la modifica apportata all'art. 17 del D.P.R. n. 435/2001 della Legge n. 225 del 1° dicembre 2016, che ha fissato al 30 giugno tale termine, trova applicazione anche per il diritto annuale 2018.