Accesso al credito: le imprese non sono sole

Banche del territorio, Confidi, Cciaa, Cat sistema di supporto
L’accesso al credito resta un nodo irrisolto da quando la crisi ha sottratto liquidità alle Pmi. «Una delle maggiori difficoltà effetto di questa lunga fase di calo dei consumi», la definisce il presidente di Confcommercio provinciale di Udine Giovanni Da Pozzo. Ma gli imprenditori – è emerso dal convegno “Impresa e credito: vademecum pratico per orientarsi al meglio” promosso dai Giovani Imprenditori dell’associazione e Banca di Cividale – non sono soli. Non almeno stando alle iniziative messe in campo da quattro realtà che, inevitabilmente, finiscono con il collaborare tra loro: sistema bancario del territorio, Camera di Commercio, Confidi e Cat.
Dopo l’introduzione del presidente dei Giovani Emanuele Gerardi e i saluti del presidente Da Pozzo, Paolo Beltrame, capo servizio crediti della Banca di Cividale ha citato i numeri all’insù dell’istituto friulano: «Nel 2012, rispetto all’anno precedente, l’erogazione alle imprese è salita del 3%. Come tutti siamo però sul mercato e non ci possiamo permettere distrazioni». Per le giovani imprese Beltrame ha ricordato la convenzione sottoscritta dalla banca cividalese con i Confidi regionali in cui sono previsti tassi di favore (- 0,50% rispetto al tasso ordinario) su tutte le operazioni bancarie, mentre con la Camera di commercio di Udine e i Confidi l’istituto di credito è promotore di un bando volto a favorire la nascita di nuove imprese attraverso finanziamenti fino a 40 mila euro assistiti da una garanzia dell’80% de prestito stesso.
Paolo Zuppicchini, direttore generale di Confidi Friuli, ha quindi ricordato il ruolo chiave delle cooperative di garanzia fidi: «Con riferimento al bilancio del nostro Confidi abbiamo deliberato nel 2012 circa 92 milioni di euro, 12 in più del 2011. Come per le banche, tuttavia, anche per noi, che siamo tra l’altro diventati da un paio d’anni intermediari finanziari della Banca d’Italia, la valutazione della capacità di rientro della clientela deve necessariamente essere più rigorosa che in passato».
Sollecitati dalla domanda dei Giovani di Confcommercio («Come far prendere forma alle proprie idee in modo semplice?»), Beltrame ha suggerito di «pensare a progetti ben strutturati e sostenibili», mentre Zuppicchini ha invitato «a percorrere strade che diano speranze di business: Internet e internazionalizzazione in primis».
Martina Urbani del Punto nuova impresa Cciaa ha contribuito a ricordare da parte sua la varietà degli strumenti camerali a favore dei giovani imprenditori: «La Camera aiuta sia dal punto di vista delle agevolazioni che dei servizi. All’informazione segue la concretizzazione di interventi con aiuti a fondo perso o attraverso controgaranzie d’intesa con i Confidi». L’obiettivo è proprio quello di facilitare l’accesso al credito, settore di cui si occupano pure i Centri di assistenza tecnica, della cui utilità nell’accompagnare le piccole aziende sul mercato ha parlato il direttore di Terziaria Cat Domenico Fumi.

Torna all'elenco

In primo piano

POS Obbligatorio: dal 30 Giugno doppia sanzione per chi rifiuta la carta

POS Obbligatorio: dal 30 Giugno doppia sanzione per chi rifiuta la carta Vi ricordiamo che dal 30 giugno 2022 le attività commerciali che non accetteranno pagamenti in formato elettronico saranno soggette a sanzioni. La sanzione prevista è di 30…

Musica d’ambiente – Disdetta Accordo tra Siae e Soundreef Lea

VENERDÌ 1° LUGLIO, scadranno gli accordi tra Siae e LEA/Soundreef . Confcommercio, insieme a FIPE e Federalberghi ha incontrato AGCOM e il Ministero della Cultura, per riferire tutte le problematiche di una liberalizzazione che si è…

Confcommercio Professioni Talks – Giovedì 7 Luglio Ore 18.00

Evento in presenza Gratuito Giovedì 7 Luglio 2022 - Ore 18.00  Villa Otellio de Carvalho - Manzano (UD)  Nell'occasione sarà presentata la nuova convenzione stipulata tra Confcommercio Udine e Innolva Spa. Questa convenzione…

Aggiornamenti protocolli di contrasto al Covid

Confcommercio ha partecipato all’incontro promosso dal Ministro del lavoro con tutte le parti sociali, cui hanno preso parte anche i Ministeri della Salute e dello Sviluppo Economico, nonché l’INAIL. L’incontro odierno seguiva a quello del 4 maggio…