Sede
  • Stampa
  • Spedisci il documento via mail
  • Aggiungi ai Preferiti

News

Informazioni e notizie per essere sempre aggiornati

  • Partita la raccolta dei fondi per le luci di Natale : Udine illuminata dal 14 novembre

    Data pubblicazione: 23/07/2015


    L’intenzione è di illuminare la città il 14 novembre, ben prima del solito. Non è uno scherzo di mezza estate, premettono Confcommercio, Confartigianato e Comune, ma un preciso impegno preso verso cittadini e imprese: già da mercoledì mattina la “squadra” di Confcommercio, che coordina le operazioni, andrà a visitare le prime aziende a caccia di quote per l’adesione al progetto luci di Natale 2015. «Nessun colpo di calore – ironizzano i presidente di Confcommercio e Confartigianato Udine, Giuseppe Pavan e Mauro Damiani –. Apriamo il cantiere in un clima infuocato perché è necessario partire da subito in modo da anticipare i tempi burocratici e poi tecnici per la messa a punto di un Natale luminosissimo». Tenendo conto del fisiologico rallentamento di agosto, ci si muove dunque con lungimiranza per definire il quadro per la fine di settembre e consentire così alla ditta incaricata di installare le luminarie in tempo per il 14 novembre, la data individuata per l’inaugurazione, proprio in concomitanza con gli Shopping days cittadini. «Viste le difficoltà in tempi di crisi di raccogliere i fondi – osservano ancora Pavan e Damiani –, ci è parso utile muoverci già a fine luglio. Crediamo che le aziende possano condividere un’iniziativa mirata a predisporre il miglior servizio possibile alla città e a chi la vive». Se Confcommercio si impegnerà a mettere insieme le quote, Confartigianato è già concentrata sulla nuova formula del mercatino di Natale. Il progetto condiviso prevede un rinnovato layout su piazza San Giacomo, nuove “casette” e un’impostazione del programma di animazione a base di musica, iniziative per bambini e famiglie e altre forme di intrattenimento. Da quest’anno c’è anche il supporto di Udine Idea. «Ci impegneremo al massimo – dice la presidente Arianna Calcaterra –: le luci in città sono un grandissimo valore aggiunto per le attività economiche». Proprio Udine Idea, in assenza di proposte locali, ha individuato il nuovo fornitore, la Gasparotto di Marostica, provincia di Vicenza. La manutenzione verrà invece affidata a imprese artigiane locali. Da parte del Comune, informa l’assessore al Commercio Alessandro Venanzi, arriverà il consueto contributo dei costi di allacciamento e di consumo dell’energia elettrica. «La comunicazione di oggi – spiega l'assessore comunale alle Attività produttive e Turismo Alessandro Venanzi – è necessaria per far percepire alla città quali sono i tempi giusti nei quali muoversi. Non sono quindi i 35 gradi che ci hanno dato alla testa . Per avere maggiore efficienza ed economie di scala è necessario partire per tempo. Insieme con le categorie economiche e Udine Idea abbiamo iniziato a ragionare sul Natale già qualche mese fa, riconoscendo l'opportunità economica che quel periodo offre alla città. E in questo, le luci hanno un ruolo fondamentale. Il coordinamento del Comune è dunque molto importante, visto che da metà novembre in poi ogni week end sarà interessato da iniziative finalizzate a ricreare lo spirito natalizio e a riempire il centro cittadino». Il progetto luci di Natale 2015, informa infine Confcommercio, vale 62mila euro. L’auspicio è quello di un contributo anche di enti e istituzioni. Le quote per i soci Confcommercio, Confartigianato e Udine Idea sono di 150 euro Iva compresa, per i non soci si arriva invece a 170.

    continua


  • PISUS: bando per contributi alle PMI

    Data pubblicazione: 13/07/2015


    BANDO PER L'EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI A FONDO PERSO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEI SETTORI DELL'ARTIGIANATO ARTISTICO TRADIZIONALE E DELL'ABBIGLIAMENTO SU MISURA, DEL COMMERCIO, DEL TURISMO E DEI SERVIZI ALLE PERSONE E ALLE IMPRESE NELL'AREA DEL CENTRO CITTA'  Il Comune di Udine, nell'ambito del Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile - PISUS, denominato "UD – CÛR - il Centro Urbano Rinasce", mette a disposizione 1.400.000,00 euro per l'assegnazione di contributi a fondo perso alle piccole e medie imprese (PMI) operanti nell'area urbana centrale. Le modalità di accesso a tali fondi sono regolate dal bando e dai relativi allegati e la cui pubblicazione sul BUR della Regione Friuli Venezia Giulia avverrà il 15 luglio. Trattasi di concorso per erogazione di contributi a fondo perso finalizzati al sostegno e miglioramento della qualità e dell'attrattività dell'offerta commerciale, artigianale e dei servizi alle persone e alle imprese nell'area urbana centrale.I beneficiari sono le PMI operanti nei settori dell’artigianato artistico tradizionale e dell’abbigliamento su misura, del commercio, del turismo e dei servizi alle persone e alle imprese con sede nell'area del centro città (mappa in allegato II) . Le spese finanziabili: esecuzione di opere, acquisizione di beni e servizi.Il bando e i relativi allegati sono disponibili sul sito del Comune al link di seguito riportato:  http://www.comune.udine.it/opencms/opencms/release/ComuneUdine/urp/index.jsp?lang=it&style=1&root=NOTIZIE+ED+EVENTI&cat=NOTIZIE&id=10210   Gli uffici dell'Associazione sono a disposizione delle aziende associate per consulenza ed assistenza.  Per informazioni rag. Lina Colaone e p.i. Domenico Fumi tel.  0432.538700   

    continua


  • Giovanni Da Pozzo riconfermato presidente di Confcommercio provinciale

    Data pubblicazione: 29/06/2015


    Giovanni Da Pozzo è stato riconfermato alla guida di Confcommercio provinciale per il prossimo mandato 2015-2020. La nomina è arrivata per acclamazione dei 71votanti presenti all’assemblea degli eletti riunita nella sede di Tavagnacco e presieduta da Pietro Cosatti. «E’ una riconferma che consente all’associazione di proseguire il lavoro nel segno della continuità – commenta Da Pozzo –, con l’obiettivo di consolidarci punto di riferimento fondamentale delle piccole e medie imprese del territorio».In apertura dei lavori Da Pozzo ha ricordato con commozione il compianto Enrico Bocus, a lungo ai vertici dell’associazione nel mandamento di Lignano. Quindi il bilancio «di cinque anni difficilissimi, con migliaia di aziende perse per strada, il commercio costretto a segnare il passo (-4,6% di realtà attive in provincia dal 2010 al 2015), mentre turismo e servizi hanno mostrato una straordinaria tenuta».Pmi rappresentate da un’associazione capace di fare marketing (2007 i nuovi soci nello scorso mandato) come formazione (oltre 12mila le persone coinvolte nei 788 corsi promossi dal Cat (Centro assistenza tecnica). «La sfida ora – prosegue il presidente – è di assecondare la ripresa economica. A riemergere saranno le imprese capaci di innovare e internazionalizzare anche in tempi di crisi». Contestualmente alla nomina di Da Pozzo sono stati eletti i 9 componenti del nuovo consiglio (per il commercio anche Antonella Colutta, Andrea Cumini e Alessandro Tollon, per il turismo Carlo Dall’Ava, Edoardo Marini e Paola Schneider, per i servizi Carmine Iannece e Laura Mariotti, cui si aggiungono i 3 cooptati Cecilia Buzzi, Filippo Meroi e Pier Luigi Mattiussi) «Una lista – commenta Da Pozzo – che rappresenta un mix tra novità e continuità e che è stata composta sulla base di criteri diversi: competenza, conoscenza del sistema, equilibrio territoriale, presenza femminile, ma anche propensione a guardare avanti». In 4 (a fianco di Da Pozzo, Dall’Ava, vicepresidente vicario, Tollon e Mariotti, vicepresidenti) comporranno la nuova giunta. Con la nomina del presidente provinciale si completa la stagione del rinnovo cariche in Confcommercio, avviata lo scorso gennaio. Gli 8 mandamenti sul territorio saranno guidati da Antonio Dalla Mora (Bassa friulana), Da Pozzo (Carnia), Dall’Ava (Friuli occidentale), Maurizio Temporini (Friuli orientale), Cristiano Perosa (Lagunare), Enrico Guerin (Lignano), Buzzi (Tarvisiano) e Giuseppe Pavan (Udine).A presiedere i gruppi saranno inoltre Massimiliano Pratesi (Agenti di commercio), Giorgio Sina (Autoveicoli-Ricambi), Paola Stefanutti (Cartolibrerie), Cristiano Zabeo (Commercio ambulante), Cristina Antonutti (Dettaglianti gioiellerie), Bruno Bearzi (Dettaglianti prodotti petroliferi), Tommaso Osso (Fiori e prodotti agricoli), Andrea Freschi (Food), Daniele Zulian (Giornali-riviste), Cosatti (Tecnoedili), Cumini (Home furniture), Mario Lizzi (Macellai), Alberto Asquini (Medicali farmacie), Mario Ulian (Moda e accessori), Pierluigi Orlandi (Panificatori), Luciano Snidar (Servizi finanziaria, assicurativi e professionali), Schneider (Ricettività alberghiera ed extra alberghiera), Dall’Ava (Fipe) e Lino Domini (Fimaa). Con il ruolo di coordinatore sono stati infine indicati Attilio Virgilio (Erboristerie), Oscar Chiapolino (Tecnoffice), Pavan (Grossisti food), Sara Fantini (Servizi comunicazione, eventi e formazione) e Claudio Riccobon (Assosalute FVG).

    continua


  • Mercato auto in crescita nel primo semestre: +16,7% in Fvg

    Data pubblicazione: 23/07/2015


    Il trend avviato nel 2014 continua. Anzi, si consolida Pur ancora lontano dai numeri del periodo pre-crisi, quando si superavano le 50mila immatricolazioni all’anno, il mercato delle auto segna nel primo semestre 2015 una confortante ripresa. Da gennaio a giugno si contano infatti in regione 15.956 veicoli immatricolati contro i 13.670 dei primi sei mesi del 2014. Una crescita di 2.286 unità pari al 16,7%. L’AGGIORNAMENTO DI GIUGNO Il mese di giugno ha confermato i valori positivi di inizio anno. Stando al complesso delle cifre comunicate da Confcommercio regionale, il totale delle immatricolazioni è di 2.896, vale a dire 595 in più del giugno 2014 (+25,9%). L’incremento più netto è quello di Gorizia (+84,0%), quindi Udine (+28,4), Pordenone (+14,7%) e Trieste (+8,7%). IL CONFRONTO ANNUALE Il capogruppo Auto Moto e Ricambi di Confcommercio provinciale di Udine e regionale Giorgio Sina rende noti anche i dati semestrali. Il +16,7% regionale da gennaio a giugno è il risultato di segni positivi in tutte e quattro le province del Friuli Venezia Giulia. Ancora Gorizia è in testa alla classifica con la più alta percentuale positiva (+38,6%), seguita da Udine (+17,1%), Pordenone (+16,6%) e Trieste (+2,6%). LO STORICO Dato che fanno seguito al +9,4% del 2014, queste cifre sono interpretate come una svolta per la prima volta significativa in tempi di crisi. Non accadeva infatti dal 2007 che il mercato delle auto in Friuli Venezia Giulia registrasse il segno “più”. Allora, prima della recessione, si vendevano oltre 51mila vetture (quasi il doppio di oggi). Anno dopo anno, fino alla ripresa 2014, si è andati poi sempre calando. Ma l’inizio del 2015 rafforza il nuovo trend. IL COMMENTO «Non possiamo che rimarcare con soddisfazione la rilevazione del primo semestre – commenta Sina –. Certo siamo ancora su numeri molto lontani da quelli del periodo pre-crisi, ma infonde ottimismo il fatto che finalmente stiamo andando in controtendenza dopo anni bui». IL MERCATO PRIVATO A consolidare questa tesi sono le immatricolazioni del privato, «il vero termometro del mercato», che rappresenta nel primo semestre il 73,4% delle vendite. Nello specifico si contano 11.713 immatricolazioni (+22,3% rispetto allo stesso trimestre 2014), mentre i noleggi sono 915 (+88,3%) e le società (auto km 0 e aziendali) si fermano a 3.328 (-7,8%). LE PREVISIONI «Continuiamo a lavorare – conclude Sina – mantenendo i piedi per terra: in Friuli Venezia Giulia sarebbe già positivo interrompere per due anni di fila il trend delle perdite».

    continua


  • Art. 62/ 2012 Interessi maggiorati per ritardato pagamento

    Data pubblicazione: 23/07/2015


    Si informa che sono state introdotte delle modifiche al decreto legge n° 1/2012, art. 62 per i ritardati pagamenti nelle transizioni commerciali di prodotti agricoli e alimentari con l' introduzione di una maggiorazione del saggio di interesse da applicare e l' entità della sanzione. Per consultazione si allega la circolare FIDA con il testo dell' art. 62 aggiornato con le modifiche introdotte dalla legge 91/2015.  Per ulteriori informazioni telefonare allo 0432/538700 e chiedere del signor Luciano Vanone

    continua


  • Domande di contributo a fondo perduto a favore delle imprese artigiane

    Data pubblicazione: 06/07/2015 | Categorie: Accesso al credito


    IMPRESE ARTIGIANE La Direzione centrale Attività Produttive della Regione FVG ha riaperto i termini per la presentazione di C Le iniziative finanziabili sono le seguenti: incentivi alle imprese di nuova costituzione; finanziamenti a favore dell’artigianato artistico, tradizionale e dell’abbigliamento su misura; finanziamenti per sostenere l’adeguamento di strutture e impianti; incentivi per le consulenze concernenti l’innovazione, la qualità e la certificazione dei prodotti, l’organizzazione aziendale e il miglioramento ambientale e delle condizioni dei luoghi di lavoro; incentivi per la partecipazione a mostre, fiere, esposizioni e manifestazioni commerciali nazionali ed estere; contributi alle imprese artigiane di piccolissime dimensioni. Il contributo concesso varia dal 30 % al 40% del costo ammissibile del progetto a seconda delle caratteristiche dell’impresa. La spesa minima da effettuare varia da 1.500 euro a 8.000 euro in base alle iniziative previste dall’impresa. Si può presentare domanda fino alle ore 16.30 del 30 settembre 2015.

    continua


  • Confcommercio incontra il Questore: collaborazione per la sicurezza

    Data pubblicazione: 02/07/2015


    Lettere e e-mail che denunciano l’evidenza di venditori abusivi che impediscono il riposo sotto l’ombrellone e segnalano più in generale la percezione di uno stato di insicurezza. Il presidente di Confcommercio Lignano Enrico Guerin le ha consegnate al questore di Udine Claudio Cracovia nel corso di un incontro promosso dal presidente provinciale dell’associazione Giovanni Da Pozzo. Nella sede di Tavagnacco, Guerin, alla guida di una delegazione di operatori economici consiglieri del mandamento, ha rimarcato al Questore la preoccupazione di imprenditori e cittadini di fronte ai numerosi fatti di microcriminalità che hanno interessato la località balneare nelle ultime settimane. Con la premessa, anche di Da Pozzo, della massima fiducia riposta nelle forze dell’ordine, Confcommercio ha chiesto interventi concreti ad aumentare le percezione di sicurezza a Lignano. Da parte del Questore, che ha preso nota con attenzione delle diverse problematiche sollevate da commercianti e gestori di pubblici esercizi, è arrivato l’annuncio dell’arrivo in città da lunedì prossimo di una decina di uomini a rinforzare il commissariato stagionale aperto la scorsa settimana. «Le nostre saranno soprattutto strategie dissuasive – ha spiegato Cracovia –, in primis per la difesa del “salotto” cittadino, con una presenza costante di poliziotti in divisa pronti a raccogliere ogni segnalazione, in funzione soprattutto preventiva. La collaborazione con le categorie economiche, che per noi rappresentano fonti sempre aperte, sarà al solito fondamentale».«Le rassicurazioni del Questore sono confortanti in una fase in cui il nostro lavoro si scontra anche con i problemi legati all’accattonaggio e all’abusivismo – commenta Guerin –, al punto che il centro è diventato un mercato a cielo aperto. Quello che a noi preme, e lo abbiamo riferito anche al sindaco Fanotto e al comandante della Polizia municipale Adami, è che venga assicurata al turista una sensazione di maggiore sicurezza».

    continua


  • Emanato il Decreto di proroga dei termini per i registri dematerializzati

    Data pubblicazione: 01/07/2015


    Emanato il Decreto di proroga dei termini per i  registri dematerializzatiIl Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, aseguito delle richieste delle Associazioni di categoria, ha emanato ildecreto n. 6437 mediante il quale ha disposto il differimento deltermine previsto per il passaggio a un sistema di gestione deiregistri di carico e scarico totalmente telematico.In particolare, il termine del 1° luglio 2015, è stato posticipato al1° ottobre 2015.Si rammenta che la dematerializzazione dei Registri avrà ad oggetto iseguenti prodotti agroalimentari:burro (decreto n. 8 dell'8 gennaio 2015)latte conservato (decreto n. 9 dell'8 gennaio 2015);sfarinati e paste alimentari (decreto n. 10 dell'8 gennaio 2015);sostanze zuccherine (decreto n. 11 dell'8 gennaio 2015).Si precisa, infine, che sino al 30 settembre 2015 i Registri potrannoessere tenuti sia con modalità telematiche che in formato cartaceo.

    continua


  • Imprenditoria femminile - contributi a fondo perduto

    Data pubblicazione: 30/06/2015 | Categorie: Accesso al credito


    IMPRENDITORIA FEMMINILE  La Regione Friuli Venezia Giulia mette a disposizione delle nuove imprese femminili contributi a fondo perduto per l’avvio dell’attività e la realizzazione di progetti di investimento.  (vedi allegato)

    continua


  • Mise, disponibili 400 milioni per R&S

    Data pubblicazione: 14/05/2015 | Categorie: Accesso al credito


    Al via i due bandi per ICT-Agenda digitale e Industria sostenibile Da giugno le istanze preliminari per le agevolazioni del Fondo per la crescita sostenibile Saranno a breve disponibili i 400 milioni che il Ministero dello Sviluppo Economico ha destinato alle imprese che investono in grandi progetti di Ricerca e Sviluppo (R&S). E’ stato infatti firmato il decreto ministeriale attuativo che definisce i termini, le modalità per la presentazione delle istanze preliminari e di quelle definitive e le modalità di applicazione dei criteri di valutazione per entrambi i bandi. (vedi allegato).

    continua



Pagina precedente 123456