Sede
  • Stampa
  • Spedisci il documento via mail
  • Aggiungi ai Preferiti

News

Informazioni e notizie per essere sempre aggiornati

  • COME OTTENERE LA SCONTISTICA SIAE : NUOVE PROCEDURE PER L'ANNO 2015

    Data pubblicazione: 05/08/2014


    Confcommercio Nazionale  - a seguito dell'aggiornamento in corso del CedSIAE - informa che già in occasione della scadenza di febbraio 2015 -SIAE invierà il Mav di pagamento con le tariffe scontate solo alleimprese che risultino regolarmente associate alla Confcommercio provinciale avendo versato il contributo per il corrente anno 2014 (e delle eventuali pregresseannualità se non regolarizzate) entro il 5 settembre 2014.Le imprese in regola con i contributi associativi riceveranno ilMav della SIAE con una tariffa già scontata, mentre le aziende non in regola con il pagamento della quota associativa Confcommercio 2014 riceveranno un MAV privo di sconto.Ricordiamo che la SIAE si riserva inoltre  di richiedere la documentazione attestante la regolarità contributiva - per l'anno in corso - che garantisce il beneficio dello sconto. Ulteriori info presso i nostri uffici.

    continua


  • Il contratto di rete

    Data pubblicazione: 04/08/2014


    Il bando 2014 Regione Friuli Venezia Giulia per il contratto di rete Secondo una tempistica ancora non certa (luglio o settembre 2014) la Regione Friuli Venezia Giulia darà copertura finanziaria al bando regionale (già emanato e pubblicato sul B.U.R. n° 14 del 2 aprile 2014) per i contratti di rete. In sintesi, di seguito vengono riportate le caratteristiche salienti del bando in oggetto.   Tipo di contributo: Contributo in conto capitale pari al 50% delle spese ammesse. Disponibilità: Circa 1.000.000 Euro. Limite massimo: 150.000 Euro per ciascun progetto di aggregazione (quindi max. 300.000 Euro di spesa ammissibile per ciascun progetto di aggregazione). Progetti finanziati: Progetti tendenti allo sviluppo di una rete d'impresa già formalmente costituita oppure stipulazione di un contratto di rete entro 6 mesi dalla data di concessione dell'incentivo. Esempi di spese ammissibili: Spese propedeutiche di orientamento, spese per la formazione e la creazione della rete, acquisizione di servizi di consulenza specialistica e formazione, spese per la predisposizione del progetto di aggregazione, onorario notarile per la costituzione della rete, spese per materiali promozionali e informativi, spese per la partecipazione a fiere, spese per lo sviluppo commerciale nazionale ed internazionale della rete, spese per l’ideazione di brand e design di prodotto, compenso per 12 mesi del manager temporaneo della rete, altre tipologie di spese come indicato nel bando. Tempistica: Tempistica ancora non certa (si prevede l’uscita del decreto attuativo del bando a luglio 2014 o a settembre 2014). Dall’uscita del bando dovrebbero esserci a disposizione 30 o 60 giorni per la presentazione delle domande. Tipologia di bando: A graduatoria.  COMPILA LA SCHEDA ALLEGATA PER RICEVERE ULTERIORI INFORMAZIONI

    continua


  • ATTENZIONE: SEGNALATI TENTATIVI DI TRUFFA AI DANNI DEGLI OPERATORI COMMERCIALI

    Data pubblicazione: 04/08/2014


      A seguito di alcune segnalazioni pervenute anche nella nostra provincia ai Carabinieri , informiamo che sono in atto tentativi di truffa ai danni degli Operatori commerciali.Il tentativo di truffa si sostanzia in una telefonata da parte di falsi corrieri che propongono, per conto di un noto fornitore, il ritiro di eventuali resi.FEDERAZIONE MODA ITALIA consiglia di:accertarsi sull'identità del corrierecontattare preventivamente il fornitore prima di consegnare la merceuna volta accertato il tentativo di truffa, darne comunicazione alle Forze dell'Ordine ed alla nostra  Associazione.http://www.federazionemodaitalia.it/it/iniziative/eventi/dd_58_2580/attenzione-segnalati-tentativi-di-truffa-ai-danni-degli-operatori-commerciali

    continua


  • Ecco i Pos convenzionati con Confcommercio

    Data pubblicazione: 28/07/2014


    Il 30 giugno 2014 è entrato in vigore l’obbligo per tutti i  soggetti che “ effettuano l'attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali ”, ovvero commercianti, pubblici esercizi, artigiani ecc. e studi professionali  di dotarsi di un POS al fine di accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte didebito (es. bancomat).  Tale obbligo concerne i pagamenti effettuati da privati di prodotti e servizi di importo superiore ai 30 euro (a prescindere dal fatturato dell’impresa). Al momento non sono previste sanzioni per i soggetti che non dovessero adeguarsi. Confcommercio ha stipulato degli accordi a livello nazionale e locale a favore degli associati con i principali istituti  di credito.   Negli allegati le diverse proposte degli istituti convenzionati. I nostri uffici rimangono comunque a disposizione per eventuali delucidazioni.    

    continua


  • Sicurezza nei posti di lavoro, incontro Confcommercio-Terziaria Cat-Ass4

    Data pubblicazione: 15/07/2014


    Dal documento di valutazione dei rischi alla nomina del Responsabile servizio prevenzione e protezione dotato di attestato di corso di formazione. Dalla nomina addetti al pronto soccorso alla necessità in azienda di una cassetta di medicazione. Dalla prevenzione incendi alla dichiarazione di conformità dell’impianto elettrico. E ancora certificati di conformità delle macchine, piani di evacuazione, registri infortuni. Sono gli adempimenti relativi alla sicurezza nei luoghi di lavoro illustrati nella sala riunioni dell’Ass4 Medio Friuli a un gruppo di imprese associate nell’incontro promosso da Confcommercio e Terziaria Cat Udine  in collaborazione con l’Azienda sanitaria del territorio. Una riunione molto partecipata che ha visto in apertura il saluto del vicepresidente provinciale vicario di Confcommercio Carlo Dall’Ava. «Il problema chiave è quello dell’informazione – ha detto Dall’Ava –. Su questa materia le leggi italiane sono molto chiare e stringenti. Come associazione andiamo alla fonte, e quindi affidiamo l’illustrazione delle norme agli operatori sanitari. L’obiettivo è di consentire agli iscritti di svolgere al meglio il loro lavoro nel rispetto delle regole e in totale sicurezza per loro stessi e i collaboratori». A entrare nel merito delle questioni sono stati il direttore della struttura Prevenzione e Sicurezza degli ambienti di lavoro della Medio Friuli, Claudia Zuliani, e i dottori Andrea Camilli, Davide Sulli, Cristina Schellenberger, Livio Tonini.

    continua


  • Confcommercio e Confartigianato, appello ai Comuni: «Contenete Tari e Tasi sulle imprese»

    Data pubblicazione: 02/07/2014


    Le prime simulazioni sull’applicazione delle nuove imposte su immobili, rifiuti e servizi indivisibili preoccupano Confcommercio e Confartigianato della provincia di Udine. «Alle piccole e medie imprese si continuano a chiedere sforzi fiscali pesantissimi – rilevano i vicepresidenti di Confcommercio Carlo Dall’Ava e di Confartigianato Franco Buttazzoni. Il rischio, sempre più concreto, è di vedere costrette alla chiusura migliaia di aziende del territorio come evidenziano anche i recenti dati della Cgia di Mestre: le imprese italiane, che già pagano 110,4 miliardi di tasse all’anno, toccheranno nel 2014 lo storico record del 44% di pressione fiscale. Solo le aziende tedesche pagano in termini assoluti più delle nostre. Numeri insostenibili che mettono in pericolo la sopravvivenza di aziende non ancora sopraffatte dalla recessione ma a cui viene negata qualsiasi possibilità di rilancio dei consumi, unica via per una prospettiva di crescita». Stando agli approfondimenti degli uffici, si annunciano aumenti in doppia cifra. I dati su Udine sono noti (dal +19% al +53% per gli ortofrutta) e Giuseppe Pavan, il presidente mandamentale di Confcommercio, preso atto che sulle altre attività si registra il -6% rispetto all’anno scorso, è in attesa di verificare l’impatto delle riduzioni annunciate dal Comune per i soggetti più colpiti: «I primi bollettini confermano purtroppo che gli aumenti sono molto pesanti per alcune categorie». Tra chi ha già deliberato, a Marano l’incremento percentuale della Tari (2014) rispetto alla Tares (2013) è per esempio del 29% per bar, ristoranti, ortofrutta e negozi di abbigliamento, vale a dire la maggior parte delle attività commerciali e di pubblico esercizio. A Rivignano va invece un po’ meglio, eccezion fatta per l’abbigliamento: la Tari è superiore del 25% alla Tares. «Di fronte a simili bastonate – aggiungono Buttazzoni e Dall’Ava –, che si aggiungono al recente balzello sui Pos, facciamo appello ai Comuni a non approfittare dei tetti massimi di aumento consentiti dalla legge. Ne verrebbero penalizzate in primis le loro città». Confartigianato Udine ha dedicato al problema un intero consiglio di presidenza, diretto dal vicepresidente vicario Franco Buttazzoni, nel corso del quale è stato evidenziato che i due balzelli sommati rischiano di essere più pesanti della vecchia Imu e quindi di penalizzare eccessivamente le imprese. L’appello ai 135 Comuni della provincia di Udine, che saranno contattati dai dirigenti locali, è quindi chiaro: «Tenete, se non avete ancora deliberato, le aliquote il più basse possibile e per quanto riguarda la Tasi prendete l’esempio di  Monfalcone, San Vito al Tagliamento, Arta Terme, Lignano Sabbiadoro, Malborghetto Valbruna, Montenars, Pontebba, San Giovanni al Natisone e San Pietro al Natisone  che hanno già deliberato un’aliquota Tasi pari a zero, o almeno l’esempio di Udine e Codroipo  che comunque non colpiranno con la Tasi gli immobili strumentali delle imprese». Non manca da parte delle due associazioni di categoria la disponibilità a fornire informazioni e consulenza ad associati e amministratori pubblici. Confartigianato prevede un momento formativo per preparare i dirigenti zonali al confronto con i sindaci sull’applicazione di Tasi e Tari, Confcommercio offre la consulenza dei responsabili del Centro di Assistenza Tecnica.    

    continua


  • CHIUSURA ESTIVA UFFICI

    Data pubblicazione: 07/08/2014


    Gli Uffici di Confcommercio osservano la chiusura estiva da giovedì 7 agosto e riapriranno mercoledì 20 agosto con il consueto orario 8.30 - 12.30, 14.00 - 17.30. Se volete anticiparci qualcosa scriveteci a: sindacale@ascom.ud.it

    continua


  • Proroga del 770

    Data pubblicazione: 05/08/2014


    770/2014: LA PROROGA E’ IN GAZZETTA                                                                                                                   Sulla Gazzetta Ufficiale n°179 del 4 agosto 2014 è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 31 luglio 2014 recante la proroga del termine ultimo di presentazione del modello 770/2014. A conferma di quanto già anticipato dal MEF nei giorni scorsi con comunicato stampa, i sostituti e gli intermediari abilitati avranno tempo fino al prossimo 19 settembre 2014 per l’invio sia del modello 770 Ordinario sia di quello Semplificato, relativi al periodo di imposta 2013.

    continua


  • Erogazioni liberali a sostegno della cultura

    Data pubblicazione: 01/08/2014


    Credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura (cosiddetto "Art-Bonus") – Circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 24/E del 31 luglio 2014. Il D.L. 31 maggio 2014, n. 83, convertito, con modificazioni, nella L. 29 luglio 2014, n. 106, ha introdotto, nell'ambito delle disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura ed il rilancio del turismo, un credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura (cosiddetto "Art-Bonus"). (Vedi allegato)

    continua


  • Rimborso di imposte

    Data pubblicazione: 01/08/2014


     Rimborsi di imposte – Richiesta del codice Iban da parte dell'Agenziadelle Entrate.Con il Comunicato stampa del 31 luglio 2014, l'Agenzia delle Entrateha reso noto che - al fine di velocizzare l'erogazione dei rimborsi diimposte - sta chiedendo ai contribuenti, attraverso la postaelettronica certificata (Pec) o la posta ordinaria, di comunicare ilproprio codice Iban per ricevere le somme direttamente sul contocorrente. Al riguardo, l'Amministrazione finanziaria ha precisato chela richiesta indirizzata alle persone fisiche arriva tramite postaordinaria, mentre quella rivolta alle aziende arriva, tramite postaelettronica certificata, all'indirizzo Pec della società presente nelregistro delle imprese.1.Due modalità per fornire l'Iban: i servizi telematici o gli ufficidell'Agenzia delle Entrate. L'Agenzia delle Entrate ha evidenziato che comunicare l'Iban ènecessario per poter ricevere le somme con accredito sul proprio contocorrente. Per evitare il rischio di "phishing", si precisa chel'Amministrazione finanziaria non accetta Iban per posta, e-mail o viaPec. Questi canali sono, invece, utilizzati dall'Agenzia delle Entrateper informare i contribuenti sulle uniche due modalità ammesse percomunicare il codice Iban del conto corrente bancario o postale:•la prima, utilizzando i servizi on-line disponibili sul sitowww.agenziaentrate.it. Per comunicare il codice (o modificare quelloprecedentemente fornito) basta accedere alla propria area autenticata,riservata agli utenti abilitati ai servizi telematici;•la seconda, rivolgendosi agli uffici territoriali dell'Agenzia delleEntrate e presentando il modello per la richiesta di accreditamentodisponibile presso gli stessi uffici o sul sito www.agenziaentrate.it,al percorso: Home > Cosa devi fare > Richiedere > Rimborsi > Accreditorimborsi su conto corrente.Sempre per motivi di sicurezza, l'Agenzia delle Entrate ha precisatoche non invia e-mail o messaggi cui sono allegati file da compilare etrasmettere, né software e applicazioni da scaricare su computer odispositivi mobili.

    continua



Pagina precedente 123456

Confcommercio Imprese per l'Italia - Udine
via Alpe Adria 16
Feletto Umberto - 33010 Tavagnacco (UD)
tel. 0432.538700 | fax 0432.532122
email: info.udine@ascom.ud.it
C.F. 80010110304
Orari di apertura
lun., mart., merc., giov.
8.30-12.30 / 14.00-17.30
venerdì 8.30-14.00
Informativa Privacy
Area riservata
Ricerca nel sito
Cerca nel sito

Credits

Seguici

  • Twitter
  • Facebook

Google Map
Confcommercio Udine