Sede
News | Eventi | Comunicati » Eventi e iniziative


La Mappa del Sapore, 52 “perle” della cucina udinese

Data pubblicazione: 26/06/2017


 


Un anno e mezzo dopo l’esordio di Udine (e dintorni) nella Mappa del sapore, ecco la seconda edizione “cittadina” di una guida che continua ad avere massima visibilità anche grazie alla collaborazione degli uffici turistici della Regione.


Con focus ancora il capoluogo friulano, il curatore Alessandro Tollon, vicepresidente provinciale di Confcommercio, lancia il bis con un’ulteriore aggiunta di aziende per toccare quota 52 tra ristoranti, trattorie, osterie con cucina, bistrot, enoteche e gastronomie.


Come dalla prima edizione del 2003, la Mappa del Sapore, traduzione in tedesco e inglese, 10mila copie stampate, si presenta nella forma di un volume snello, poco più di un centinaio di pagine, che racchiude il meglio dell’offerta culinaria udinese.


Ricordato l’autofinanziamento del progetto, Tollon sottolinea la riuscita di un format «che ci ha consentito di distribuire circa 260mila volumi nelle precedenti edizioni dedicate a Lignano, Udine prima edizione e fascia intermedia del territorio».  I colori sono il bianco e il nero, in copertina compare l’angelo di Udine, nelle prime pagine c’è pure un intervento di Joe Bastianich. «Il Friuli offre vini e prodotti gastronomici che raccontano la storia della nostra terra – scrive Tollon nella premessa –. Diffondere la cultura del territorio è la missione dei nostri osti, ristoratori, cuochi, vignaioli, prosciuttieri e casari tra tradizione e innovazione. La missione è far conoscere i nostri tesori: vino friulano, ribolla, refosco, birra artigianale, cape, canoce, calamari, fasolari, prosciutto di San Daniele, pezzata rossa, montasio, formadi frant, ricotta friulana, frico, gubana, olio d’oliva, brovada, musetto, sclupit...offriamo e chiediamo il meglio».


Ad aderire sono dunque 52 locali di Udine e dintorni (si arriva fino a Fagagna): dai ristoranti stellati come Agli Amici di Godia alle nicchie del buon mangiare e buon bere friulani. «Nel turismo di oggi l’enogastronomia è un fondamentale elemento di attrazione – sottolinea il presidente della Camera di commercio Giovanni Da Pozzo –. L’importante è offrire iniziative di qualità. Perché la qualità paga sempre». La Mappa del Sapore, prosegue, «è un progetto di identificazione del territorio che unisce le diverse realtà della cucina in una festa per il palato, alla riscoperta di sapori antichi in gustose rielaborazioni moderne».


In passato la mappa è diventata oggetto di collezione. Contestualmente alla nuova pubblicazione è anche possibile scaricare la mappa all’indirizzo web www.mappadelsapore.it, sito molto visitato anche all’estero e che contiene tutte le mappe già pubblicate. Come la versione cartacea, l’online è pure in lingua tedesca e inglese. Il volume verrà distribuito da Tarvisio a Lignano passando naturalmente per Udine, negli infopoint della regione, nelle fiere internazionali, con particolare attenzione al turista austriaco e bavarese.


La prossima Mappa - è stato "rivelato" alla presentazione - sarà dedicata alla ristorazione della "Sportland", quell'area del Friuli che sale fino alla montagna in cui fioriscono le attività sportive all'aperto, in grado di attirare turismo di qualità ed esprimere un'enogastronomia speciale.





News
  • Uso contante e obblighi in materia di accettazione di pagamenti mediante carte di credito e debito

    Uso contante e obblighi in materia di accettazione di pagamenti
    mediante carte di credito e di debito: aggiornamento.

    Si fa seguito alle diverse richieste di chiarimenti in merito ad un
    ventilato, imminente avvio del regime sanzionatorio per la mancata
    accettazione dei pagamenti elettronici (mediante POS) per informare
    che l’obbligo previsto dalla Legge di stabilità 2016 per i soggetti
    che effettuano l'attività di vendita di prodotti e di prestazione di
    servizi, inclusi i servizi professionali, di accettare pagamenti anche
    mediante carte di debito e di credito è a tutt’oggi in attesa delle
    previste disposizioni attuative che devono essere emanate dal
    Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero
    dell'economia e delle finanze, sentita la Banca d'Italia.

    Salvo l’obbligo del pagamento delle retribuzioni con strumenti di
    pagamento diversi dal contante,  la Legge di Bilancio 2018 appena
    approvata e il decreto di legislativo di recepimento della direttiva
    UE 2015/2366 in materia di servizi di pagamento nel mercato interno
    non sono intervenuti in materia di sanzioni per la mancata
    accettazione di pagamenti tramite carte di credito e di debito.

  • Apparecchi per la ricerca delle persone  - contributo 2018.


    Si ricorda che entro il prossimo 31 gennaio dovrà essere versato il
    contributo annuale dovuto dai detentori di apparecchi cercapersone,
    non di libero uso.
    Il contributo da versare, stabilito dal Decreto Legislativo n. 259 del
    2003 (Codice delle comunicazioni elettroniche), è il seguente:
    • euro 30,00 in caso di utilizzo fino a 10 apparati;

    • euro 100,00 in caso di utilizzo fino a 100 apparati;

    • euro 200,00 in caso di utilizzo oltre i 100 apparati.


    Il pagamento può essere effettuato con le seguenti modalità:
    *  versamento in conto corrente postale intestato alla Tesoreria
    Provinciale dello Stato;
    *  versamento con vaglia postale interno o internazionale intestato
    alla Tesoreria provinciale dello Stato;
    *  accreditamento bancario a favore dell'ufficio italiano cambi per il
    successivo versamento all'entrata del bilancio dello Stato. La causale
    del versamento deve contenere l'indicazione che l'importo deve essere
    acquisito all'entrata del bilancio dello Stato, al Capo XXVI, capitolo
    25 articolo 69.